Roma, 15 novembre 2019 - Passeggiata spaziale eccezionale, per Luca Parmitano. L'astronauta italiano è partito - con il collega Andrew Morgan, della Nasa - per riparare il cacciatore di antimateria. Sospeso sull'estremità del braccio robotico della Stazione Spaziale, il Canadarm, l'astronauta ha volato letteralmente sopra la stazione orbitale come un acrobata fra le stelle, sospeso sopra la Terra, fino a raggiungere il cacciatore di antimateria Ams-02. Si tratta della la prima attività extraveicolare (Eva) della missione Beyond. Era un battesimo del fuoco, una sfida per pochi ma AstroLuca, o Luca Skywalker come lo chiamano i colleghi, la passeggiata spaziale più difficile di sempre è stata un vero successo. Un passo dopo l'altro, i due astronauti hanno superato le incognite di una missione mai tentata prima portandola a termine prima del previsto.

La Nasa ha seguito tutta l'operazione postando la diretta sul suo canale YouTube:

I due astronauti sono usciti dalla Stazione Spaziale Internazionale quando in Italia era ora di pranzo e sono rientrati dopo 6 ore di intenso lavoro fuori dalla Iss, che avviano una serie di passeggiate spaziali (almeno altre tre) per la manutenzione dello strumento Alpha Magnetic Spectrometer (Ams-02), un rilevatore di particelle di antimateria e di materia oscura situato in cima alla struttura a traliccio S3 della Stazione tra una coppia di pannelli solari e radiatori.

Foto ricordo dal volo nello Spazio

Sembrano foto ricordo, quelle scattate da AstroLuca e AstroAndrew al lavoro fatto oggi sul cacciatore di antimateria Ams-02 (Alpha Magnetic Spectrometer). Le foto li aiuteranno a pianificare le attività per la prossima passeggiata spaziale che, ha annunciato la Nasa, è in programma tra una settimana. Ora i due astronauti sono rientrati nella Stazione Spaziale Internazionale e sono entrambi al sicuro nell'airlock.  La prima 'passeggiata spaziale' della missione Beyond è stata definita "una complessa attività" dalla Nasa, la più complessa dopo l'Eva realizzata per riparare il maxi telescopio spaziale Hubble.

Luca Parmitano è partito per un'eccezionale passeggiata spaziale fuori dall'Iss (LaPresse)

Parmitano vola a 400 km sopra la Terra

Lo storico dello spazio Paolo D'Angelo spiega la portata dell'impresa. Con mani frenetiche ed esperte Luca Parmitano "è ora in piena attività a circa 400 chilometri sopra la Terra, sopra le nostre teste, mentre la Iss viaggia a 28mila chilometri orari". Le immagini in diretta dallo spazio mostrano l'astronauta italiano dell'Esa e il collega americano mentre stanno montando "dei maniglioni che serviranno per agganciarsi a Ams nelle prossime attivi extraveicolari per riparare il cacciatore di antimateria" aggiunge D'Angelo.

Le missioni spaziali Eva: altre 4 spacewalk

La Nasa considera queste Eva (ovvero le missioni extraveicolari) particolarmente impegnative, in quanto Ams-02 non era stato inizialmente progettato per operazioni straordinarie di mantenimento. Come 'spacewalker' principale, ruolo noto anche come 'EV1', Parmitano indossa una tuta spaziale bianca con mostrine rosse, mentre Morgan una bianca senza mostrine. 

I due sono assistiti dagli astronauti della Nasa Christina Koch e Jessica Meir, da dentro la Iss. Per AstroLuca - il primo astronauta europeo ad assumere il ruolo guida - è già la terza Eva dopo quelle effettuate nel 2013 nel corso della missione Volare dell'Agenzia spaziale italiana. La sua seconda uscita fu caratterizzata da un pericoloso incidente che concluse la missione extraveicolare poco dopo il suo avvio. La spacewalk di Parmitano è trasmessa in diretta streaming da Esa e Nasa.

Serviranno altre 4 missioni extraveicolari per riparare il sistema di raffreddamento dell'Alpha Magnetic Spectrometer (AMS-02). "Quando lo abbiamo progettato - spiega Bruna Bertucci dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN- Università di Perugia) e vice-responsabile dell'esperimento - l'esperimento doveva restare in orbita per 3 o 4 anni per poi tornare a Terra a bordo dello Shuttle. Con la fine del programma Space Shuttle AMS è rimasto in orbita e abbiamo deciso di farlo continuare a prendere dati. Purtroppo però il dispositivo non è pensato per essere sottoposto a manutenzione per cui ora sostituire i sistemi di raffreddamento che si sono rotti sarà davvero molto complicato per Luca Parmitano e Andrew Morgan".

Ecco lo scatto della preparazione degli astronauti per l'uscita dall'Iss: