4 apr 2022

Il vescovo di Odessa: "Il Papa non può esitare su Putin"

Šyrokoradjuk chiede una condanna più netta dello zar. Pieno sostegno alla resistenza armata ucraina: "Dobbiamo difenderci a ogni costo"

giovanni panettiere
Esteri
featured image
Il vescovo di Odessa Stanislav Šyrokoradjuk

Kiev, 4 aprile 2022 - Un’altra notte è andata. Il grido delle sirene anti-aeree in un orecchio, il boato delle esplosioni nell’altro. Da quattro giorni a questa parte, da quando Odessa è sotto il tiro dei missili delle navi russe, assestate a qualche miglia dalla riva, anche per il vescovo Stanislav Šyrokoradjuk il risveglio ha acquisito ancor più il senso di una benedizione. Nella città a terrazzo sul Mar Nero ormai si vive sospesi, anche lui si sta abituando, tanto che nel palazzo vescovile nessuno corre più a cercare riparo nei sottoscala, per quello che valgono come difesa. A Odessa si resiste, come nel resto dell’Ucraina, gli abili e arruolati con le armi, divenute necessarie persino agli occhi di questo 66enne francescano intriso di quello orgoglio nazionale che sta tenendo a galla un popolo da oltre quaranta giorni coi russi dentro casa. "Certo la resistenza armata non è l’unica soluzione contro l’invasione, c’è anche la preghiera – precisa il vescovo Šyrokoradjuk, appena trova un brandello della tanto agognata pace per rispondere alle nostre domande –. Io non sono a favore dell’esercito come tale, ma sostengo la giusta lotta per l’indipendenza dell’Ucraina e questa la stanno garantendo i nostri soldati. La minaccia alla vita del nostro Paese esige che dobbiamo difen derci". Il Papa ha annunciato che si sta lavorando a un suo viaggio a Kiev: che cosa ne pensa? "Al momento non è all’ordine del giorno. Non c’è ancora nulla di ufficiale, per adesso le priorità da affrontare sono altre". Ma lei crede che Bergoglio stia compiendo ogni sforzo per arrivare alla pace? "Con la preghiera e gli appelli, il Papa sta facendo tutto il possibile per fermare questa guerra". Dovrebbe condannare Putin esplicitamente? "Ogni cosa va chiamata con il suo nome, come oggi sta facendo tutto il mondo. Perché ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?