L'ambulanza rubata e lanciata sui pedoni a Oslo (Ansa)
L'ambulanza rubata e lanciata sui pedoni a Oslo (Ansa)

Oslo, 22 ottobre 2019 - Momenti di tensione a Oslo. Un uomo armato ha rubato un'ambulanza e si è lanciato con il mezzo sui pedoni, ferendo almeno cinque persone. Sul mezzo sequestrato c'erano anche tre membri del personale, che sono rimasti illesi.

I pedoni sono stati travolti nel distretto di Torshov, riferisce l'emittente pubblica Nrk, tra le vittime anche due gemellini di sette mesi che si trovavano in un passeggino, ora ricoverati in ospedale. Investite anche la mamma e una coppia di anziani. 

L'assalitore è stato fermato dalla polizia, che ha fatto fuoco contro l'ambulanza per bloccarla. L'uomo, un trentaduenne già noto alla polizia, secondo quanto riferito dai media locali, avrebbe risposto sparando. Poche ore dopo è stata arrestata anche una donna, una 25enne norvegese fuggita dopo la sparatoria, forse ubriaca, segnalavano gli agenti insieme alla descrizione. Entrambi secondo gli investigatori hanno legami con gli ambienti di destra. 

Su Twitter la polizia ha scritto: "Abbiamo il controllo dell'ambulanza che è stata rubata da un uomo armato", spiegando "sono stati esplosi spari per fermare il sospettato, che non è gravemente ferito". Le autorità non ritengono si tratti di un caso di terrorismo, su Twitter scrivono: "E' troppo presto". 

L'uomo al momento è accusato di tentato omicidio, infatti secondo gli investigatori, e i testimoni, avrebbe guidato "deliberatamente" sul marciapiede, investendo i pedoni, e in seguito avrebbe aperto il fuoco contro gli agenti che tentavano di fermare la corsa dell'ambulanza. Durante la perquisizione sul mezzo rubato gli agenti hanno trovato un fucile, una mitragliatrice e della droga. 

Secondo la ricostruzione fatta dai media norvegesi la coppia avrebbe rubato l'ambulanza dopo che il veicolo su cui viaggiava si era ribaltato in un incidente.  Erano circa le 12.30 quando l'uomo armato sequestrava il mezzo. Ma grazie ad un Gps, la polizia è stata in grado di seguire il percorso dell'ambulanza. Il poliziotto che ha guidato l'operazione, Erik Hestvik, ha detto che il sospetto, nonostante i colpi sparati contro l'ambulanza, non era stato ferito, ma avrebbe riportato solo contusioni perchè si è schiatato contro un cancello.

LEGAMI CON L'ESTREMA DESTRA - Il sospetto è  un ex funzionario di polizia, e si ritiene che abbia legami con un gruppo neonazista, "Movimento di resistenza nordica". Secondo la Nrk l'uomo però non è un membro del gruppo, ma è legato alle attività di propaganda. Vive nella zona di Oslo, ed è stato più volte condannato per reati che vanno dalle minacce alle rapine, e legati all'uso di armi da fuoco e droghe. Nel marzo 2017 fu arrestato al termine di un lungo negoziato, e restò in prigione un mese: si era barricato in una abitazione ad Asker dopo essere fuggito alla polizia per un mancato stop a un controllo. Nell'abitazione fu trovata una bomba antincendio.