Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Economia Politica Esteri Sport Motori Magazine Moda Salute Itinerari Tech Meteo Guida TV

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Olanda bye bye, da gennaio si chiamerà solo Paesi Bassi

Scelta linguistica e di marketing del governo per non essere più identificati con la sola città di Amsterdam e il suo quartiere a 'luci rosse'

L'Aja, 28 dicembre 2019  - Bye bye Olanda. Da gennaio 2020 lo Stato dell'Ue si chiamerà solo 'Paesi Bassi', 'Netherlands'. Non si tratta di un semplice cambiamento toponomastico, ma di un chiarimento voluto dal governo per marcare bene una differenza sostanzionale, visto che l'Olanda in realtà include solamente due delle 12 regioni che formano l'intera nazione, ed evitare che si continui ad associare l'immagine del Paese alla sola città di Amsterdam e al suo quartiere a 'luci rosse'.

L'operazione, che costerà alle casse dello Stato 200mila euro, sarà prima di tutto commerciale. Insieme al nome è stato presentato un nuovo logo che contiene un tulipano stilizzato fra le lettere N e L, sigla internazionale che sta proprio per Netherlands. Da gennaio dunque tale simbolo potrà essere usato da ministeri, ambasciate, Agenzia per le imprese (Rvo, Netherlands Enterprise Agency), università, Comuni e federazioni sportive per promuovere le proprie attività. La scelta contrinuirà a costruire "un'immagine chiara e ben definita" del Paese, "positiva per l'export e per attrarre investimenti e talenti", ha spiegato la ministra per il commercio estero, Sigrid Kaag.

In questi anni ad alimentare la confusione sul nome del Paese nordeuropeo ha contribuito anche il sito ufficiale di promozione turistica Holland.com, sebbene al suo interno fosse presente una pagina che spiegava la differenza fra Paesi Bassi e Olanda.

Loading