7 mar 2022

Attacco a Odessa: il piano di Putin fino alla Transnistria. La cartina

Lo scalo portuale nel sud dell'Ucraina è il prossimo obiettivo militare del Cremlino. Da sei a sette navi da sbarco pronte all'operazione con 1500 marines e 80 blindati. Parà e truppe elitrasportate per raggiungere il contingente russo in Moldavia e attuare poi una manovra a tenaglia sulla città

alessandro farruggia
Esteri
featured image
Il piano militare russo per la conquista di Odessa

Roma, 7 marzo 2022 - Prendere Odessa. Il prossimo obiettivo delle forze russe è conquistare la grande città sul mar Nero, quasi 1 milione di abitanti, fondamentale hub portuale per l'Ucraina, e il suo oblast (regione), grande come il Belgio e confinante con un paese Nato, la Romania, e con la Moldavia, dove, nella provincia russofona separatista della Transnistria (in moldavo) o Predniestrovie (in russo), da sempre si trovano forze russe. Cosa significa la 'z' su tank e carri armati russi: l'alfabeto segreto della guerra La flotta russa  Per catturare Odessa, i russi hanno allestito una flotta da sbarco che conta sulle navi di classe Ropucha, tre della Flotta del Mar Nero (Korolev, Minsk e Kalinigrad) e due della flotta del nord (Georgy Pobedonosets e Olenegorsky Gorniak) più una nave da sbarco di classe Ivan Gren, quindi più grande e moderna, la Korolev. A questo potrebbe aggiungersi almeno un nave da sbarco di classe Alligator, probabilmente la Nikolai Filchenkov. Le Ropucha hanno una stazza di 4 mila tonnellate e possono portare 10 tank da battaglia (o 12 BTR, mezzi corazzati trasporto truppe) più 300 marines ciascuna. La Ivan Gren ha 6.600 tonnellate e può portare 13 tank, 36 BTR e 300 marines. O 13 tank e 500 marines. La classe Aligator è da 4.700 tonnellate è può portare fino a 425 marines e 20 carri armati. Grossomodo la forza da sbarco può trasportare 1500-1600 fanti di marina più una ottantina di blindati. Due opzioni per lo sbarco  Due le ipotesi sui siti di sbarco della forza russa: non in città (la costa è stata minata, anche in mare, e protetta da batterie di artiglieria e disseminata di barriere antisbarco) ma o a est (zona tra Fontanka e Vapniarka) oppure ad ovest (Sanzhiika). La prima opzione consentirebbe un più facile ricongiungimento ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?