Oslo, 14 ottobre 2021 - L'arciere killer che ieri ha ucciso cinque persone a Kongsberg, nel sud-est della Norvegia, si chiama Espen Andersen Brathenè un danese di 37 anni convertito all'Islam. L'uomo che ha preso di mira i passanti, è residente da anni nelle piccola cittadina di 28mila persone, a un'ottantina di chilometri da Oslo. Inoltre era già noto alle forze dell'ordine . I servizi di sicurezza: "E' terrorismo", ma il movente deve essere ancora chiarito. L'uomo è formalmente accusato di omicidio. Su Facebook in un video aveva annunciato la sua conversione all'Islam. Secondo il sito del quotidiano Aftenposten Brathen sarà sottoposto a perizia psichiatrica. 

Il giovane, armato di arco e frecce, ha colpito in diverse zone della cittadina uccidendo cinque persone, 4 donne e un uomo tra i 50 e i 70 anni, e ferendone due (di cui un agente non in servizio), fino a quando la polizia, intervenuta in forze, lo ha arrestato dopo un breve scontro. Ora è in carcere nella cittadina di Drammen. 

Figlio di madre danese e padre norvegese, il 37enne, secondo quanto riferito dal suo legale, ha collaborato con gli investigatori che lo hanno interrogato tutta la notte. L'ipotesi di un atto terroristico resta l'ipotesi principale, inoltre in conferenza stampa la polizia ha confermato che aveva già avuto contatti con il sospettato per timori di radicalizzazione all'Islam.

Il funzionario di polizia norvegese, Ole Bredrup Saeverud, in conferenza stampa ha detto che l'uomo era stato seguito nel 2020 proprio per i sospetti di una sua radicalizzazione all'Islam, ma "non c'erano state segnalazioni su di lui nel 2021". Inoltre la polizia ha parlato dell'utilizzo di altre armi, oltre arco e frecce. Sembra quasi certo che abbia agito da solo. "Stiamo indagando per confermarlo, non abbiamo informazioni diverse, ma stiamo continuando le indagini per essere completamente sicuri", ha aggiunto il portavoce delle autorità si sicurezza.

Secondo i servizi di sicurezza l'attacco a Kongsberg sembra essere un "atto di terrorismo", ma al momento non hanno alzato il livello di allerta nel Paese. "Ma le indagini determineranno con maggiore chiarezza quali sono state le motivazioni", si legge in un comunicato.