14 mar 2022

Negoziati Russia-Ucraina: stop improvviso dopo lo spiraglio. "Pausa tecnica"

Quarto round di trattative sospeso "fino a domani".  Zelensky mercoledì parla al Congresso Usa

Roma, 14 marzo 2022 - Sono in pausa tecnica "fino a domani" i negoziati tra Russa e Ucraina iniziati oggi in videoconferenza. Alla trattative si guarda più con speranza che con fiducia. Anche se un timido spiraglio sul quarto round si è aperto all'ora di pranzo. È stato Ihor Zhovkva, vice capo dell'ufficio del presidente Zelensky, a rilasciare dichiarazioni distensive e cautamente ottimiste. Zhovkva ritiene che la posizione di Mosca sia più costruttiva di quanto percepito nelle precedenti occasioni. "Invece di darci un ultimatum o linee rosse o chiedere all'Ucraina di capitolare, ora sembrano avviare negoziati costruttivi", ha detto a Radio 4's Today, secondo quanto riporta la Bbc. Ma il leader ucraino Zelensky subito dopo parla di trattativa che prosegue "difficile", ricalcando quanto dichiarato in precedenza dal membro del team negoziale di Kiev Podolyak che aveva definito a sua volta "difficile" la comunicazione con Mosca. E questo, spiegava Podolyak, a causa di ''sistemi politici troppo diversi''. Quindi la brusca interruzione, intorno alle 15, con il tweet di Zelensky che comunica la "pausa tecnica" fino a domani. Lo stesso Zelensky mezz'ora prima aveva scritto: "Vi faremo sapere l'esito stasera". Poi il cambio di programma. Uno stop che sarebbe legato alla necessità di "lavoro aggiuntivo dei sottogruppi e a chiarimenti su singole definizioni". E che, al momento, non offre ulteriori interpretazioni. 

I Kadyrovtsy ceceni alle porte di Kiev. Chi sono e cosa possono fare

Sono due gli obiettivi del negoziato, lato ucraino: ottenere un immediato cessate il fuoco (con anche "pace e ritiro da parte delle truppe russe", poco realizzabili al momento)  e riuscire a organizzare un incontro (sempre in videoconferenza) tra Vladimir Putin e Volodymyr Zelensky. Un primo contatto tra i due leader, fondamentale per aprire un canale diretto di comunicazione. Fonti vicine allo zar non hanno escluso la possibilità di organizzare un faccia a faccia, ma ancora siamo al nulla di fatto. Dovessero essere fatti avanti su quel fronte, incassando anche una tregua, si potrebbe dire che i negoziati hanno avuto esito positivo. Tutto questo mentre in Ucraina si combatte, la guerra è giunta alla sua diciannovesima giornata e l'offensiva russa si fa sempre più insistente attorno alle grandi città. Che il Cremlino pensa di poter mettere "sotto controllo". 

Cina-Russia, l'ex ambasciatore: ecco perché Pechino ha interesse a far tacere le armi

Zelensky al Congresso Usa

Nel frattempo, si apprende oggi che Zelensky parlerà mercoledì al Congresso degli Stati Uniti. Lo rendono noto i Democratici. "Il Congresso resta fermo nel suo impegno a sostenere l'Ucraina mentre affronta la crudele e diabolica aggressione di Putin, ad approvare una legislazione per paralizzare e isolare l'economia russa così come a dare assistenza umanitaria, economica e di sicurezza all'Ucraina", hanno sottolineato Pelosi e Schumer, annunciando l'iniziativa a favore dell'Ucraina.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?