Roma, 14 dicembre 2021 - Una sonda spaziale americana ha 'toccato' il Sole, diventando il primo veicolo spaziale della storia a compiere tale impresa. Si tratta della Solar Parker Probe della Nasa, che ha volato attraverso la parte più esterna dell'atmosfera del Sole, la corona, prelevando campioni di particelle e campi magnetici, come ha annunciato la stessa Agenzia spaziale statunitense. "Proprio come l'atterraggio sulla Luna ha permesso agli scienziati di capire come si è formata - scrive la Nasa -, toccare la stessa sostanza di cui è fatto il Sole aiuterà gli scienziati a scoprire informazioni critiche sulla nostra stella più vicina e sulla sua influenza sul sistema solare".

E' la prima volta che un veicolo spaziale entra nei confini esterni del Sole, dove la sonda Parker Solar Probe è rimasta per cinque ore. "Il fatto che la sonda abbia toccato il Sole è il culmine della scienza solare e un'impresa straordinaria", ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato del direttorato della Nasa per le missioni scientifiche. Zurbuchen ha spiegato che questo risultato consentirà ai ricercatori di comprendere meglio l'evoluzione del Sole e i suoi impatti sul sistema solare, oltre a poter applicare tutte le nuove conoscenze ottenute anche alle stelle del resto dell'Universo.

Mentre gira più vicino alla superficie solare, infatti, Parker "sta facendo nuove scoperte che altri veicoli spaziali erano troppo lontani per vedere", spiega la Nasa sulla pagina dedicata al fenomeno, "compreso dall'interno del vento solare - il flusso di particelle dal Sole che può influenzarci sulla Terra. Nel 2019, Parker ha scoperto che le strutture magnetiche a zig-zag nel vento solare, chiamate tornanti, sono abbondanti vicino al Sole. Ma come e dove si formano è rimasto un mistero. Da allora, dimezzando la distanza dal Sole, Parker Solar Probe è ora passato abbastanza vicino da identificare un luogo da cui hanno origine: la superficie solare. Il primo passaggio attraverso la corona - e la promessa di ulteriori sorvoli in arrivo - continuerà a fornire dati su fenomeni impossibili da studiare da lontano".

"Volando così vicino al Sole, Parker Solar Probe ora rileva condizioni nello strato dominato magneticamente dell'atmosfera solare - la corona - che non abbiamo mai potuto prima", ha aggiunto Nour Raouafi, scienziato del progetto Parker presso il Johns Hopkins Applied Physics Laboratory di Alloro, Maryland. “Vediamo prove di essere nella corona nei dati del campo magnetico, nei dati del vento solare e visivamente nelle immagini - ha concluso -. Possiamo effettivamente vedere l'astronave volare attraverso strutture coronali che possono essere osservate durante un'eclissi solare totale":