Nairobi, 16 gennaio 2019 - L'attentato all'hotel di lusso a Nairobi è finito e tutti i terroristi sono stati uccisi. Così ha annunciato il presidente del Kenya Uhuru Kenyatta, dopo un blitz delle forze dell'ordine durato 20 ore: "L'operazione è terminata e tutti i terroristi, che hanno strappato la vita di 14 persone innocenti, sono stati eliminati", ha confermato il presidente in conferenza stampa. Al momento si contano, dunque, 14 morti, ma il bilancio potrebbe essere ancora più grave. Anche perché questa mattina, secondo alcuni media locali, sono stati uditi spari ed esplosioni all'alba sempre nella stessa zona dell'albergo. E la polizia nazionale kenyota aveva confermato che nel luogo dell'attacco era ancora "in corso una operazione di sicurezza". 

L'attacco di ieri è stato rivendicato dal gruppo jihadista somalo Al Shabaab. Secondo il sito del più diffuso quotidiano kenyota "gli assalitori sono arrivati usando un'auto e un altro veicolo. Si sono quindi aperti la via nella 14 Riverside Drive e hanno costretto le guardie ad aprire il cancello sparando loro", aggiunge il sito. Poi "hanno avanzato e lanciato esplosivi a veicoli nel parcheggio prima di farsi strada" nel "Dusit D2 che comprende diversi uffici e hotel", aggiunge The Star. A quel punto - conferma la polizia - un kamikaze si è fatto esplodere nel foyer dell'albergo, aprendo la strada al resto del commando. 

VIDEO Gli spari, le auto in fiamme, le persone in fuga: 

image

MORTI, FERITI E OSTAGGI - Al momento si contano almeno 14 morti. Ma il gruppo al-Shabab rivendica l'uccisione di "47 nemici": il bilancio potrebbe dunque essere più pesante. Il Dipartimento di Stato Usa ha confermato che tra le vittime c'è un cittadino americano e potrebbe anche esserci un cittadino britannico. Un testimone ha riferito di aver visto cinque corpi all'entrata dell'hotel, mentre i soccorritori hanno detto che due dei feriti sono deceduti all'arrivo in ospedale. "Non c'è stato il tempo di contare i cadaveri - ha aggiunto un ufficiale di polizia -. Alcuni corpi sono nei ristoranti al primo piano, altri nei piani più alti. C'è sangue dappertutto", ha concluso. Il numero dei feriti non è stato confermato. Il presidente del Kenya ha solo assicurato che "700 civili sono stati messi in salvo dalle forze di sicurezza".

LA MAPPA 

image

ATTACCO RIVENDICATO - Al Jazeera riporta che l'attacco è stato rivendicato dal gruppo jihadista Al-Shabaab. Notizia confermata anche dal Site con base negli Stati Uniti che monitora le attività jihadiste online. "Al Shabaab rivendica la responsabilità per il terribile attacco a DusitD2 hotel a Nairobi", ha scritto su Twitter la direttrice Rita Katz, che aggiunge: "L'attacco odierno di Al-Shabaab arriva circa 5 anni dopo il famigerato attacco del gruppo del 21 settembre 2013 al centro commerciale Westgate a Nairobi".