Milano, 17 aprile 2019  - Addio al papà di Lupin III, è morto Monkey Punch, il creatore del famoso cartone animato. Il noto mangaka giapponese è scomparso lo scorso 11 aprile all'età di 81 anni. 

Kazuhiko Kato, il suo vero nome, ha raggiunto il successo grazie al manga Lupin III, creato sulla falsa riga del ladro gentiluomo Arsène Lupin di Maurice Leblanc

Kato non approdò subito ai fumetti, prima di diventare un artista era un radiologo presso l'ospedale Kushiro Red Cross Hospital. Fu un caso a portarlo sulla strada dei disegnatori di fumetti, infatti fu il direttore dell'ospedale, Shunichi Michishita, a notare la sua abilità e il suo talento nel disegnare, incoraggiandolo a proseguire.

Monkey Punch debuttò nel mondo del fumetto nel 1965. L'idea che fece la sua fortuna la ebbe due anni dopo, nel 1967, con la serie di Lupin III, pubblicata sulla rivista Manga Action edita da Futabasha. 

Il ladro gentiluomo e i suoi compari, dall'amico Jigen al misterioso samurai Goemon, per non dimenticare la sempre inseguita Fujiko Mine (Margot in Italia) e il 'nemico' ispettore Zenigata, raggiunsero la popolarità mondiale nel 1971, soprattutto grazie alla versione in cartone animato della striscia manga.

In Italia arrivò grazie a Star Comics e Planet Manga. In tv Lupin III è stato protagonista di cinque serie animate, l'ultima nell'autunno del 2018, e di 10 film animati, oltre che di numerosi special televisivi. Monkey Punch firmò le avventure di Arsenio fino al 1985, poi lasciò la matita ad altri.

Sigla anni '80