Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Effetto MeToo, Miss America 2018 sfila vestita

Al bando la passerella in bikini. Ha vinto Nia: nera e musicista con master 

di GIAMPAOLO PIOLI, inviato a New York
Ultimo aggiornamento il 11 settembre 2018 alle 09:22
Nia Imani Franklin, Miss America 2018 (Ansa)

New York, 11 settembre 2018 - Ha un master in musica e non indossa il bikini la nuova Miss America 2018. Nia Imani Franklin è una stupenda ragazza di colore di 24 anni, nata in North Carolina ma cresciuta a Brooklyn, di professione compositrice musicale, è la nuova regina del 2018. L’altra sera ad Atlantic City ha ricevuto la prima corona 2.0 che segna una rivoluzione nelle regole del concorso di bellezza, molto più attento da quest’anno alla sostanza delle risposte che le sfidanti offrono sul palcoscenico che non alla perfezione delle loro forme fisiche. O meglio Nia si è trovata ad avere tutte e due le cose insieme ed ha risposto brillantemente alle domande dei giudici, e non si è dovuta giocare la finale su una passerella indossando un succinto bikini bianco, considerato ormai uno ‘stereotipo superato’.

La presidente del concorso, l’ex giornalista della Fox Gretchen Carlson, e la chairman Regina Hopper hanno cercato non senza polemiche di fare piazza pulita all’interno dell’organizzazione di Miss America finita nell’occhio del ciclone per commenti inappropriati e sgradevoli sulle partecipanti. "Non stiamo scegliendo più solo una reginetta, ma si tratta adesso di una vera competizione di talenti femminili", hanno detto le nuove organizzatrici.

Forse anche dietro la spinta di #Metoo, (va ricordato che la neo-presidente Gretchen dopo aver accusato uno dei capi della Fox di molestie sessuali ha ricevuto un risarcimento dalla TV di Murdoch di decine di milioni di dollari,) la volontà di accentuare l’aspetto culturale e non solo fisico delle partecipanti è diventato dominante . Nella selezione che ha portato alle ultime 10 finaliste, in certi casi però non si sono viste esattamente tutte ragazze intelligenti e mozzafiato. Avere cancellato la 'prova in costume' ha creato disappunto anche tra molte ex-vincitrici perché sembra quasi voler significare che se una è troppo bella non può essere al tempo stesso anche intelligente, brillante e piena di talento. Secondo Chris Saltamacchio uno dei choach del concorso "la corona di Miss America deve essere modello di riferimento per le donne che hanno il compito di dimostrare di essere fisicamente attraenti, compassionevoli e accademicamente dotate".

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.