Il compositore greco Mikis Thedorakis (Ansa)
Il compositore greco Mikis Thedorakis (Ansa)

Roma, 2 settembre 2021 - E' morto il compositore greco Mikis Theodorakis, autore fra l'altro della colonna sonora 'Sirtaki' del film cult del 1964 'Zorba il greco' e icona della resistenza alla dittatura dei colonnelli. Aveva 96 anni. Talento prolifico e anticonformista in politica, Theodorakis è stato sempre apprezzato nel suo Paese d'origine e nel mondo per la sua musica ispiratrice e la sua sfida al regime che ha governato la Grecia dal 1967 al 1974. 

Nato sull'isola di Chios, il 29 luglio 1925, Theodorakis ha studiato musica ad Atene e poi a Parigi. Ha composto canzoni basate su importanti opere poetiche greche, molte delle quali sono state inni della sinistra per decenni, ma anche sinfonie e colonne sonore per film come 'Z - L'orgia del potere' del 1969 di Costa-Gavras, per il quale ha vinto il premio Bafta. Ha anche composto la "Trilogia di Mauthausen" - nota anche come "La ballata di Mauthausen" e la "Cantata di Mauthausen" - un ciclo di quattro arie con testi basati su poesie scritte dal poeta greco Iakovos Kambanellis, sopravvissuto al campo di concentramento di Mauthausen.

Attivista politico molto schietto, Theodorakis si unì a un'unità di riserva dell'Elas, il braccio militare del Fronte di liberazione nazionale (Eam) di sinistra durante il periodo della resistenza greca contro l'occupazione nazista, e guidò una truppa nella lotta contro gli inglesi e la destra greca nella ''Dekemvriana''. Durante la guerra civile greca fu arrestato, mandato in esilio nell'isola di Icaria e poi deportato nell'isola di Makronisos, dove fu torturato. Theodorakis ha avuto legami di lunga data con il Partito Comunista di Grecia, di cui è stato deputato dal 1981 al 1990. Tuttavia, nel 1989 si è candidato come candidato indipendente con la Nuova Democrazia di destra ed è diventato ministro nel 1990 sotto Constantine Mitsotakis (padre dell'attuale primo ministro greco), per poi dimettersi nel marzo 1992. Negli ultimi anni è stato più volte ricoverato in ospedale per problemi di salute e nel 2019 gli è stato impiantato un pacemaker.