Mosca, 15 gennaio 2020 - Il premier russo Dmitri Medvedev ha ha presentato le sue dimissioni con tutto il governo, dopo il discorso del presidente Vladimir Putin alle Camere, nel quale il capo dello stato russo ha proposto di modificare la legislazione esistente in modo che il governo possa essere scelto dal Parlamento. 

Il presidente russo ha accolto le dimissioni, ringraziando il governo per il suo lavoro "anche se non tutto ha funzionato", scrivono le agenzie russe. Il turn-over è stato velocissimo: Putin ha nominato Mikhail Mishustin  - responsabile del servizio fiscale federale - come nuovo premier .

false

Dal canto suo Medvedev ha spiegato il suo passo indietro con la necessità di dare a Putin lo spazio di manovra necessario per introdurre le modifiche alla Costituzione annunciate in mattinata. Queste modifiche mirano a modificare l'equilibrio dei poteri nel Paese, ad esempio dando alla Duma e non più al presidente il potere di nominare il primo ministro e il governo.

Il presidente, ha dichiarato Medvedev durante un incontro con Putin, "ha delineato non solo le priorità per il nostro Paese nel prossimo anno, ma anche una serie di modifiche fondamentali alla Costituzione della Federazione Russa", modifiche che comportano "cambiamenti significativi" non solo per la costituzione ma anche "per l'equilibrio dei poteri nel suo complesso".  
"In questo contesto, è ovvio che in quanto governo della Federazion Russa, dobbiamo fornire al presidente l'opportunità di prendere le decisioni necessarie. E in queste circostanze ritengo che sia giusto che nel rispetto dell'articolo 117 della Costituzione, il governo russo nell'attuale composizione si dimetta".  

Il nuovo incarico di Medvedev

Putin ha chiesto al governo di restare in carica fino alla nomina di un nuovo esecutivo, e ha annunciato l'intenzione di istituire la carica di vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione russa e di assegnarlo al premier dimissionario. 
Medvedev "ha sempre affrontato questi problemi, anche dal punto di vista del potenziamento della nostra capacità di difesa e sicurezza. Lo ritengo possibile e gli ho chiesto proprio questo, di occuparsi di queste questioni", ha dichiarato Putin in una riunione coi membri del governo. Il presidente del Consiglio di sicurezza russo - organo consultivo che riunisce i vertici dello Stato dai presidenti delle due Camere del Parlamento, fino ai capi dei servizi segreti e i principali ministeri - è il leader del Cremlino.

L'oppositore Navalny: Medvedev corrotto

"Il ricordo principale dell'azione di governo 'degli anni zero e dieci' di Dmitri Medvedev rimarrà questo", la sua corruzione. Così scrive su Twitter l'oppositore russo, Aleksei Navalny, commentando la notizia delle dimissioni del premier. Il post è accompagnato dal link all'inchiesta svolta dal Fondo anti-corruzione dello stesso Navalny e che nel 2017 puntò i riflettori sui metodi usati dal capo del governo ed ex presidente per arricchirsi, accusandoli di possedere segretamente immobili di lusso, vigneti e ville all'estero, tra cui anche in Italia. L'inchiesta è stata guardata da milioni di persone su Youtube e aveva portato numerose persone in piazza in diverse città per protestare contro la corruzione dell'e'lite del Paese.