Parigi, 23 luglio 2017 - E' durata poco la luna di miele del giovane presidente Emmanuel Macron con i francesi: la sua popolarità infatti è crollata di 10 punti in un mese. Secondo un sondaggio Ifop per il Journal du Dimanche (Jdd) resta piuttosto alta (54%), ma nulla a che vedere dell'idillio di 30 giorni fa, quando era al 64%.
Anche il gradimento nei confronti del premier Edouard Philippe è in diminuzione di 8 punti, dal 64% al 56% delle persone soddisfatte.

Il presidente icona di eleganza; tutti pazzi per il suo sarto

IL CONFRONTO - Quando è stato eletto a maggio il consenso di Macron era al 62%, per poi crescere al 64% il mese successivo. Solo Jacques Chirac aveva fatto peggio nel 1995 secondo il Jdd.
Nicolas Sarkozy, eletto nel maggio 2007 con una inedita popolarità pari al 65%, aveva vissuto uno 'stato di grazia' durato tutto l'anno e nell'agosto i consensi erano adddirittura cresciuti al 66%. Il predecessore di Macron, Francois Hollande, aveva iniziato al 61%, per poi scendere al 59% al mese successivo e al 56% il mese seguente.

In passato Charles de Gaulle aveva perso 5 punti in tre mesi (dal 61 al 56%), e Francois Mitterrand, dopo la prima elezione il 10 maggio del 1981, aveva perso 7 punti in tre mesi (dal 54 al 47%). 
Il meno popolare dei presidenti della Quinta Repubblica francese rimane Valery Giscard d'Estaing, giunto al potere con un indice di popolarità inferiore al 50%. Un mese dopo, a giugno del 1974 solo il 44% dei francesi era soddisfatto del suo operato.
Infine il caso Chirac: un percorso da montagne russe, secondo il Jdd: perde 20 punti in tre mesi alla sua elezione nel 1995 (dal 59 al 39%), ma rieletto nel 2002 con una popolarità del 51%, la vede crescere al 53% due mesi dopo.

COLLOQUI - Intanto si apprende che il generale libico Khalifa Haftar e il premier Fayez al-Sarraj, capo del Governo di accordo nazionale (Gna) della Libia, si incontreranno martedì 25 luglio a Parigi, per colloqui organizzati dalla Francia. Una fonte diplomatica sottolinea che Haftar è già a Parigi, mentre Sarraj vi arriverà presto. I due si sono incontrati a maggio ad Abu Dhabi, per la prima volta in oltre un anno e mezzo, nell'ambito dei tentativi di riconciliazione delle forze nel Paese, in cui il presidente francese Emmanuel Macron aspira ad avere un ruolo chiave.