Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
10 mar 2022

Lui e lei, divisi dalla guerra. Quegli addii alla stazione

Lacrime e abbracci a Leopoli: i giovani si arruolano e salutano le compagne. Il 21enne senza esperienza militare: "Vinceremo noi". La distesa di borsoni verdi

10 mar 2022
salvatore garzillo
Esteri
featured image
Ucraina, addii in stazione
featured image
Ucraina, addii in stazione

Leopoli (Ucraina), 1o marzo 2022 - L’ultima foto, l’ultimo bacio, l’ultima raccomandazione, l’ultima promessa. All’ingresso della stazione di Leopoli c’è la frenesia tipica dei saluti ma i sorrisi sono duri e tra meno di un’ora spariranno anche quelli. La frase "ci vediamo presto" è un lusso che i giovani soldati non possono permettersi, sanno troppo bene che questa guerra è un gioco per adulti in cui non sono ammesse fragilità. Decine di ragazzi in mimetica si riuniscono davanti al grande cancello che li separa dai binari, la direzione è Dnipropetrovsk ma la località operativa è top secret. C’è poco tempo e, chi può, lo investe tutto stringendo la propria fidanzata o abbracciando i genitori. Sono orgogliosi e spaventati. Sono giovani. Raid aerei russi contro due ospedali e un gasdotto "Vinceremo noi, non c’è dubbio – racconta Vitaliy, 21 anni e nessuna esperienza militare se escludiamo il corso di preparazione –. Non ho paura, non vedo l’ora di andare al fronte per difendere il mio Paese e vendicarmi dei russi". Viene proprio da Dnipropetrovsk, uno dei centri più colpiti in questo conflitto. "Sono stato in accademia per quasi 4 anni e quando ci hanno invasi io e i miei compagni eravamo pronti. Spero tanto che la guerra finisca in 3 o 4 giorni, penso davvero che possa accadere". A due metri di distanza un commilitone è stretto dalla sua ragazza in una morsa che non lascia scampo, sono così teneri che perfino qualche militare ha gli occhi lucidi. Vicino alle scale c’è una coppia che si abbraccia ma fatica a toccarsi perché entrambi indossano la divisa e il giubbotto antiproiettili. Lui soldato, lei poliziotta. Il berretto dell’uno tocca il cappellino dell’altra. Vorrebbero un po’ di intimità ma è impossibile non guardarli e alla fine lo capiscono e lo accettano. Si scambiano rassicurazioni – ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?