12 nov 2021

Lockdown duro per i non vaccinati in Austria: lavoro, cibo e passeggiata

Lo ha annunciato il cancelliere Schallenberg. Scatterà probabilmente lunedì per Salisburgo e Alta Austria, e mercoledì per il resto del Paese. Commissione Ue: "Decidono gli Stati membri"

Vienna, 12 novembre 2021 - Lockdown duro per i non vaccinati, l'Austria in piena quarta ondata, già da lunedì potrebbe far entrare in vigore restrizioni pesanti per chi non è immunizzato: i no vax potranno uscire solo per recarsi al lavoro, per acquistare beni di prima necessità e per "fare due passi". Lo ha annunciato il cancelliere Alexander Schallenberg. 

Approfondisci:

Obbligo vaccinale in Austria: ai no vax 600 euro di multa ogni trimestre

Green pass, cosa può cambiare: ecco il piano per salvare il Natale dal Covid

Covid Italia: il bollettino del 13 novembre

Ma il provvedimento ha già sollevato delle polemiche. Il via libera formale dovrebbe arrivare domenica, quando il cancelliere terrà una videoconferenza con i governatori dei Laender per fare il punto sul provvedimento. Lunedì sarà in vigore a Salisburgo (i mercatini di Natale apriranno solo per i vaccinati e guariti) e nell'Alta Austria, ma Il blocco in tutto il Paese dovrebbe scattare da mercoledì prossimo. Il premier austriaco ha detto che vuole arrivare ad "una soluzione nazionale" escludendo dal lockdown persone vaccinate e guarite entro i sei mesi.

Green pass, verso la stretta. L’ipotesi: darlo solo ai vaccinati

I controlli saranno a campione, ha spiegato Schallenberg: "Non viviamo in uno Stato di polizia, non possiamo e vogliamo controllare a ogni angolo di strada". Nel provvedimento è compreso anche l'obbligo vaccinale per i sanitari. 

Ma in tutta Europa la quarta ondata si sta facendo sentire. Secondo L'Oms il Vecchio Continente è l'unica regione al mondo in cui sia i contagi che i decessi da Covid sono in costante aumento, per la sesta settimana consecutiva. 

Covid, in Germania dati sempre più allarmanti.

Il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) parla di situazione "molto preoccupante" in 10 Paesi: Belgio, Polonia, Paesi Bassi, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Grecia, Ungheria e Slovenia. In altri 10 Paesi la situazione è definita "preoccupante": Germania, Austria, Danimarca, Finlandia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Romania e Slovacchia. "Bassa preoccupazione" invece per Italia, Malta, Svezia e Spagna.

In Austria, come in Svizzera, oltre al lockdown si pensa anche a iniziative fantasiose per attirare chi non si è ancora vaccinato. Ad esempio domani l'Austrian Airlines, in collaborazione con l'aeroporto di Vienna e la Croce Rossa, offrirà la vaccinazione a 300 persone a bordo di un Boeing 777 della compagnia aerea. In palio anche un volo per due persone, direzione New York. 

Tante le iscrizioni alla grande "lotteria delle vaccinazioni" nel Burgenland, lanciata dal governatore Hans Peter Doskozil a settembre estratti di 1.000 preziosi premi, tra cui una VW Golf GTI, una Hyundai Ioniq 5 e una Mini Cooper Cabrio, 15 eBike, svariati premi tecnologici e biglietti per offerte culturali e turistiche nel land austriaco. Risultato: 12.911 persone vaccinate.

Riguardo ai lockdown per i non vaccinati in Austria si è espressa la Commissione Ue, chiarendo che è una decisione che "spetta agli Stati membri".

Leggi anche

Covid: indice Rt Italia sale a 1,21. Regioni tutte bianche

Regioni che rischiano la zona gialla: il punto della situazione

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?