12 mag 2022

Ucraina, l'esperto: "L’obiettivo di Putin è circondarci. L'Artico sarà il prossimo fronte"

Andrea Manciulli, presidente di Europa Atlantica: "I ghiacci si sciolgono, quei mari cambiano la geopolitica"

pier francesco de robertis
Esteri
featured image
La marina russa compie numerose esercitazioni nel mar Artico

"Nell’esaminare la crisi ucraina non bisogna commettere un cruciale errore di valutazione, ossia considerarla un fatto a sé stante. Non è così. L’invasione è solo un momento della strategia verso l’Europa che la Russia sta portando avanti da tempo. Andrea Manciulli è presidente di Europa Atlantica, un think tank di studi internazionali oltre che responsabile delle relazioni istituzionali della fondazione Medor, e non ha dubbi. "L’obiettivo di Putin siamo noi europei, non solo gli ucraini". Vadim Shishimarin, chi è il sergente russo a processo Qual è il fronte più caldo? "Ce ne sono molti. Uno di quelli di cui si parla meno è l’Artico". Perché l’Artico è diventato così importante? E’ una distesa di ghiaccio. "Che però con i cambiamenti climatici diventa sempre più navigabile, e in fondo a quei mari ci sono importanti riserve di idrocarburi. Gas e petrolio". Franza o Spagna purché se magna. Gli italiani vogliono la resa di Kiev A chi appartiene l’Artico? "E’ una zona contesa, e non c’è un’attribuzione certa". Da qui l’importanza. "La rotta artica sta cambiando la logistica, le comunicazioni e in sostanza la geopolitica in maniera considerevole. La sua navigabilità mette in competizione l’Occidente con Cina e Russia, che da tempo stanno portando avanti una strategia di occupazione dei porti che vi si affacciano". Gli aspetti principali della contesa sull’Artico? "Sono due. La navigabilità, quindi le nuove rotte, e lo sfruttamento degli idrocarburi. L’Artico può diventare una enorme piattaforma logistica in grado di sconvolgere l’economia mondiale. E’ chiaro che chi riuscirà a crearvi un’opzione strategica significativa avrà un vantaggio per difendere le proprie prerogative. L’Europa deve essere molto attenta se non vuole che certi suoi attori restino fuori. Penso ai porti del Mediterraneo, che sarebbero senza dubbio penalizzati dallo spostamento a nord delle rotte". Svezia e Finlandia hanno chiesto di entrare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?