15 mag 2022

Ucraina, l'esperto: "Putin capisce solo la fermezza. Non attaccherà mai la Finlandia"

L’analista Alcaro: l’ingresso dei Paesi scandinavi nell’Alleanza atlantica argina la politica imperiale russa. "La guerra all’Ucraina? Un disastro strategico. Ma l’Europa dovrà costruire un nuovo sistema di sicurezza"

alessandro farruggia
Esteri
featured image
Due soldati ucraini vicino a Lysychansk (Ansa)

"La politica della fermezza è la sola cosa che funziona con Putin. Più cediamo, più avanza. In questo senso l’allargamento della Nato a Finlandia e Svezia è un argine alla politica imperiale del Cremlino. E il vero paradosso è che, agendo in Ucraina per scongiurare la presunta minaccia di un allargamento della Nato, Putin ha invece autorealizzato la sua profezia, spingendo altri due Paesi storicamente neutrali, la Finlandia e la Svezia, a chiedere l’ingresso nell’Alleanza. Strategicamente un mezzo disastro". Così Riccardo Alcaro, coordinatore delle ricerche dell’Istituto affari Internazionali (Iai). "Le parole della Kalush Orchestra scritte sulle bombe lanciate contro l'Azovstal" Va bene la fermezza, ma Putin sembra aver perso molti freni inibitori. L’ingresso della Finlandia e della Svezia nella Nato non crea un incentivo per Putin ad attaccarle? "Sinceramente non credo. È vero che dopo l’attacco russo all’Ucraina il sistema di sicurezza europeo è strutturalmente più degradato e instabile, ma se c’era un momento nel quale far entrare Finlandia e Svezia nella Nato, era questo. Perché ve ne è la stretta necessità. In questo modo si crea un sistema di sicurezza più coeso e più compatto, un argine ad altre avventure". Non vede, quindi, il rischio di altre azioni militari russe nella partita di scacchi che si gioca in Europa? "Nessuno ha la sfera di cristallo, ma mi sembra che la Russia non abbia allo stato le risorse per fare non dico interventi militari in Finlandia, ma anche un forte rischieramento di truppe verso quei confini. Potrà fare al massimo qualche atto dimostrativo, nulla di sostanziale. Quanto al nucleare, lo agita, come sempre, ma sa che l’ombrello Nato rende di fatto impossibile un suo utilizzo". C’è chi, ad esempio Salvini, teme che l’allargamento della Nato sia una minaccia alla pace in Ucraina e provochi l’orso russo. "Salvini parla ancora come ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?