Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
10 giu 2022

Lo scrittore che Putin vuole arrestare. "Da mesi vivo nascosto in Europa"

Intervista a Dmitry Glukhovsky: rischio fino a 15 anni di galera, mi muovo in auto con la famiglia senza dare riferimenti

10 giu 2022
giovanni serafini
Esteri
featured image
Lo scrittore russo Dmitry Glukhovsky
featured image
Lo scrittore russo Dmitry Glukhovsky

"Pur conoscendo perfettamente i loro sistemi, non mi aspettavo che arrivassero a questo punto. Mi hanno giudicato colpevole di aver gettato discredito sull’Armata russa. Per il tribunale di Mosca sono un criminale, il ministero degli Interni ha emesso un mandato di cattura nei miei confronti. Se mi prendono, rischio quindici anni di carcere". È teso, la linea telefonica cade di continuo, sento correre lungo il filo l’angoscia di un intellettuale che ha paura per se stesso, per i suoi amici, per il suo paese brutalizzato da una violenza politica che sembra non aver fine. Dmitry Glukhovsky, lo scrittore più famoso e venduto in Russia, l’autore della popolarissima saga Metro tradotta in venti lingue, compirà 43 anni fra qualche giorno, il 12 giugno. Li compirà in esilio, nel Paese segreto in cui si è rifugiato con la famiglia subito prima che i carri armati russi invadessero l’Ucraina. Lo avevo intervistato in marzo, un mese dopo l’inizio della guerra, quando aveva già lasciato Mosca: "Sono prostrato per quel che sta accadendo", aveva detto. Oggi è molto peggio, dice: "Questa guerra è orribile. Tutti hanno paura in Russia. Guerra significa esseri umani che partono per tornare in bare di zinco, significa fame, follia collettiva, miseria". Francia: missione per sbloccare il porto di Odessa Dmitry, dove si trova adesso? "Da qualche parte in Europa". Lei sta usando un cellulare che ha una scheda telefonica russa. "Sì, ma non sono in Russia. Non voglio far sapere dove sono, per evidenti motivi di prudenza". La linea continua a cadere, perché? "Perché sono in macchina, sto viaggiando". Da solo? "No, con mia moglie e i miei figli". Ha figli piccoli? "Emily ha 11 anni, Theodor ne ha 8". Non dev’essere una vita facile. "Non lo è. Ma li ho scolarizzati tutti e due per evitare che siano ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?