Londra, 15 novembre 2021 - È stato un atto di terrorismo l'esplosione in un taxi avvenuta a Liverpool ieri davanti a un ospedale. Nell'attentato è morto un uomo, il 32enne Emad Al Swealmeen, ed è rimasto ferito il tassista. Per l'episodio sono stati arrestati 4 uomini fra 21 e 29 anni di età. Il comitato di emergenza Cobra ha elevato l'allerta terrorismo nel Regno Unito. Il premier Boris Johnson ha dichiarato: "I britannici non si faranno mai intimidire dal terrorismo".

image

Il tassista, David Perry, sfuggito per miracolo alla morte uscendo dal taxi prima che prendesse fuoco, è stato acclamato eroe. Il 45enne si era insospettito per le richieste del suo passeggero, e aveva bloccato le porte impedendo all'attentatore di entrare in ospedale. Secondo il Daily Mail, riferendo quanto detto da un amico di Perry, sostiene che il luogo scelto per l'attentato in realtà fosse la cattedrale anglicana lontana pochi chilometri dall'ospedale, poi il terrorista avrebbe cambiato i suoi piani per colpa del traffico e per la chiusura della strada che portava alla chiesa. 

L'esplosione doveva avvenire in un luogo sacro dove erano radunate 1.200 persone, lì per la messa domenicale dedicata al Remembrance Day, istituito in Gran Bretagna per commemorare la fine della Prima guerra mondiale. A conferma di ciò c'è l'orario della deflagrazione dell'ordigno, esploso poco prima delle 11 del mattino, ma la polizia e il Security Service stanno ancora indagando.

La cattedrale anglicana di Liverpool, "Cathedral Church of Christ", è la più grande chiesa del Paese e l'ottava più grande del mondo. 

Oltre ai 4 arresti, la polizia britannica ha effettuato perquisizioni in diversi luoghi della città e gli investigatori avrebbero raccolto elementi definiti "significativi". Il vice capo della polizia di Greater Manchester, Russ Jackson, ha spiegato: "Le nostre indagini indicano che un ordigno esplosivo improvvisato sia stato assemblato dal passeggero del taxi" di cui "ritenuamo di conoscere l'identità ma non possiamo ancora confermarla". Ieri sera  i primi tre arresti a Sutcliffe Street a Kensington, tre giiovani di 29, 26 e 21 anni, e stamane il quarto, un 20enne fermato a Rutland Avenue a Sefton Park, dove sono state trovate delle prove.