Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Molestie, numero uno della Cbs accusato di abusi sessuali. Les Moonves si dimette

Tra gli uomini più potenti della tv Usa, è finito al centro dello scandalo dopo le rivelazioni di una dozzina di donne al New Yorker

Ultimo aggiornamento il 10 settembre 2018 alle 10:45

Roma, 10 settembre 2018 - Un nuovo scandalo di molestie sessuali travolge una delle figure più potenti della tv Usa. Les Moonves si è dimesso da ceo (amministratore delegato) della Cbs dopo le accuse di una dozzina di donne di abusi sessuali. Le ultime sono quelle di sei donne che attraverso le colonne del New Yorker hanno denunciato molestie da parte del top manager, portandolo a lasciare il network televisivo. In un comunicato la Cbs ha chiarito che l'addio di Moonves ha effetto immediato e ha rivelato il nome del suo successore, che sarà Joseph Ianniello. Il network ha inoltre annunciato una donazione di 20 milioni di dollari a "una o più organizzazioni che sostengono il movimento #MeToo e si battono per trattamento paritario delle donne nei luoghi di lavoro". La donazione sarà dedotta dalla liquidazione di Moonves. Liquidazione che il top manager non riceverà fino a che non si saranno concluse tutte le indagini sul suo conto.

Moonves era alla guida della Cbs Corporation da 15 anni e dopo la caduta del produttore re di Hollywood Harvey Weinstein è forse la vittima più illustre e potente a cadere sotto i colpi del movimento #metoo. La sua posizione si è complicata alla fine di luglio, quando erano venute alla luce le prime sei accuse, anche in quella prima occasione dalle colonne del New Yorker. Era stata quindi aperta una indagine interna, ma erano già iniziate le trattative per la possibile uscita del Ceo. Nel secondo articolo, Ronan Farrow (autore anche del primo), il re delle inchieste sulle molestie a Hollywood, ha riferito che le molestie risalgono al periodo tra il 1980 e il 2000. Alcune delle donne lo accusano di averle aggredite sessualmente, mentre altre hanno raccontato di rappresaglie da parte del top manager per non aver accettato le sue avance.

"Sono accuse spaventose e non vere", si è difeso Moonves, ammettendo di aver avuto "rapporti consensuali con tre donne circa 25 anni fa, prima di arrivare alla Cbs". Il manager ha però smentito di aver mai usato la sua posizione per ostacolare professionalmente le sue accusatrici.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.