Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
17 mar 2022

"La Russia può pagare, se vuole. In cassa ha ancora enormi riserve"

Terzulli, capo economista Sace: l’impatto delle sanzioni contro Mosca sui distretti del mobile e delle scarpe

17 mar 2022
davide nitrosi
Esteri
epa09829112 A handout still image taken from handout video made available by the Russian Defence ministry press-service shows Russian serviceman guard near a place where the Russian humanitarian aid for Ukrainian people are handed out, in Kharkiv region, Ukraine, 16 March 2022. On 24 February Russian troops had entered Ukrainian territory in what the Russian president declared a 'special military operation', resulting in fighting and destruction in the country, a huge flow of refugees, and multiple sanctions against Russia.  EPA/RUSSIAN DEFENCE MINISTRY PRESS SERVICE / HANDOUT  HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES
Soldati russi in Ucraina (Ansa)
epa09829112 A handout still image taken from handout video made available by the Russian Defence ministry press-service shows Russian serviceman guard near a place where the Russian humanitarian aid for Ukrainian people are handed out, in Kharkiv region, Ukraine, 16 March 2022. On 24 February Russian troops had entered Ukrainian territory in what the Russian president declared a 'special military operation', resulting in fighting and destruction in the country, a huge flow of refugees, and multiple sanctions against Russia.  EPA/RUSSIAN DEFENCE MINISTRY PRESS SERVICE / HANDOUT  HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES
Soldati russi in Ucraina (Ansa)

Roma, 17 marzo 2022 - L’avvertimento di Fitch a Mosca è chiaro. Il pagamento delle rate del debito scaduto ieri in rubli costituisce default. E’ un rischio reale? "Fitch avrà analizzato le carte – risponde Alessandro Terzulli, capo economista di Sace –. In situazioni di questo tipo, il pagamento in valuta diversa di un debito in valuta estera può generare un evento di default. Però in termini di capacità di riserve internazionali, la Russia non è un Paese in default nel cosiddetto ability to pay, cioè nella capacità di pagamento". "Ecco perché l'élite russa non si ribella alla guerra in Ucraina" Nonostante la sanzioni? "Abbiamo ridotto il merito di credito della Russia, ma il Paese resta in grado di ripagare. C’è il tema della cosiddetta willingness to pay, la volontà di farlo". Quando lo sapremo? Ci sono comunque 30 giorni di periodo di grazia prima di un default. "Se il pagamento avverrà in valuta estera, come è auspicabile, lo si saprà prossimi giorni e sarebbe scongiurato il rischio default". Però la Russia ha ancora riserve importanti. "Sì, le loro riserve sono valutate tra i 630 e i 645 miliardi di dollari. Mosca continua a onorare i contratti per gas e petrolio anche verso l’Europa ed è pagata in valuta estera. Si stima che le sanzioni abbiano congelato tra il 40 e il 55% delle riserve. Comunque se paga in rubli c’è un default nel senso tecnico che non dipende da un’effettiva insolvenza. Certo, il creditore si trova con dei rubli con cui non fa molto". Mosca paga il debito in rubli: default a un passo Il default sovrano voluto sarebbe un gesto estremo, di isolamento totale dalla comunità internazionale. Lei che opinione si è fatta? "La mia opinione è che bisogna essere prudenti. Nei giorni scorsi ci sono stati pagamenti di debiti ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?