Martedì 16 Aprile 2024

Kansas City, spari durante la parata per la vittoria del Super Bowl: ci sono morti e feriti

Due persone armate sono state catturate dalla polizia. In strada c’erano migliaia di persone a festeggiare

Sparatoria a kansas City durante la parata per il Super Bowl

Sparatoria a kansas City durante la parata per il Super Bowl

Roma, 14 febbraio 2024 – Spari a Kansas City, Missouri, durante la parata che celebrava la vittoria dei Chiefs al Super Bowl: lo ha riferito la polizia locale chiedendo su X di allontanarsi dall'area intorno a Union Station. Nella sparatoria sono state colpite diverse persone. Ci sarebbe una persona morta e una decina di feriti (anche bambini): lo riferisce il capo dei vigili del fuoco locale Michael Hopkins.

Diverse persone sono rimaste colpite nella sparatoria. Due persone armate sono state fermate della polizia dopo la sparatoria: lo riferisce la Cnn. 

Diverse persone sono state colpite in una sparatoria a Kansas City, nei pressi della Union Station, dove si stavano radunando i fan dei Chiefs per la parata per la vittoria al Super Bowl di domenica.  Alle celebrazioni sono attese circa un milione di persone

La polizia ha riferito di aver fermato due persone armate. Per ora nessuna ipotesi sul movente, anche se potrebbe essere un incidente legato alle gang. Difficile pensare ad un attacco terroristico, anche se proprio poche ore prima il capo della commissione intelligence della Camera Mike Turner aveva rivelato l'esistenza di una “seria minaccia alla sicurezza nazionale” chiedendo al presidente Joe Biden di declassificare tutte le informazioni in modo che il Congresso, l'amministrazione e tutti i nostri alleati possano discutere apertamente le azioni necessarie per rispondere.

La sparatoria è avvenuta nel centro cittadino alla fine della parata per il terzo titolo consecutivo vinto domenica scorsa dai Chief a Las Vegas contro i 49ers di San Francisco, in un evento dall'audience record grazie anche all'effetto Taylor Swift, fidanzata del vittorioso tight end Travis Kelce.

A festeggiare la squadra migliaia di fan con la maglietta rossa del team, tra musica, tamburi e coriandoli. Pochi minuti dopo la conclusione della parata sono stati uditi diversi spari che hanno seminato il panico tra la folla. È iniziato un fuggi fuggi generale, ostacolato dalle transenne di metallo installate per proteggere il corteo. La gente scappava gridando e cercando riparo nelle vie laterali o gettandosi a terra.

La polizia ha subito lanciato l'allarme via X, invitando ad allontanarsi dall'epicentro della sparatoria, Union Station. Poi ha dispiegato rinforzi fino a catturare i due presunti autori dell'attacco, con le armi ancora in loro possesso. Alla parata c'erano tutte le stelle della squadra, compreso Travis Kelce. Assente invece la sua Taylor: i tifosi confidavano in una sua apparizione a sorpresa all'ultimo momento, come al super bowl. Ma l'iconica cantante, reduce da alcuni concerti in Giappone, è già in partenza per Melbourne, Australia, per altre tre tappe del suo Eras Tour. In compenso Kelce aveva portato la sua mamma, Donna Kelce, diventata la superstar delle Nfl moms (il figlio più vecchio, Jason Kelce, gioca come centro per i Philadelphia Eagles).

I giocatori, gli allenatori e lo staff dei Chiefs "stanno tutti bene e sono al sicuro". Lo ha assicurato il sindaco di Kansas City, Quinton Lucas, in una conferenza stampa in cui ha fatto il punto dopo la sparatoria avvenuta al termine delle celebrazioni per la vittoria della squadra al Super Bowl.

Il presidente Joe Biden "è stato informato della sparatoria a Kansas City e continuerà a ricevere aggiornamenti". Lo hanno riferito fonti della Casa Bianca, che fanno sapere di essere "in contatto con le autorità locali e dello Stato", mentre "le forze dell'ordine federali sono sul posto per sostenere le forze locali".