Kamala Harris in visita in Guatemala (Ansa)
Kamala Harris in visita in Guatemala (Ansa)

Roma, 8 giugno 2021 - "Non venite" negli Usa. "Se arriverete al nostro confine, verrete rispediti indietro". È il messaggio lanciato dalla vice presidente degli Usa, Kamala Harris, durante la sua visita in Guatemala, rivolgendosi ai potenziali migranti dei paesi del Centro America. Nel suo discorso ufficiale, dopo l'incontro con il presidente guatemalteco Alejandro Giammattei, la numero due dell'amministrazione Biden ha riconosciuto che "la maggior parte delle persone non vuole lasciare il posto dove è cresciuta", ma spesso lo fa "perché scappa o perché semplicemente non riesce a soddisfare i suoi bisogni primari stando in patria".

Ma la Harris ha proseguito lanciando l'avvertimento di non intraprendere il "pericoloso viaggio verso nord. Gli Stati Uniti continueranno a far rispettare le nostre leggi e a proteggere i nostri confini". La vicepresidente americana ha aggiunto che ci sono "strade per un'immigrazione legale e sono queste che vanno percorse. Vogliamo sottolineare che l'obiettivo del nostro lavoro è aiutare i guatemaltechi a trovare la speranza a casa. Ma voglio dire chiaramente alle persone in questa area: non venite".

Si tratta di un appello rivolto in particolare ai migranti del Guatemala ma anche del Messico. La Harris ha infatti proseguito il suo viaggio per incontrare anche il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador. La Casa Bianca ha promesso di attuare una politica di immigrazione più umana dopo l'approccio adottato da Donald Trump, ma il partito repubblicano americano la accusa di aver creato una "crisi" al confine meridionale a causa della incapacità di tenere a freno gli arrivi.