Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
14 mar 2022

Kadyrov, l'annuncio del brutale leader ceceno: "Vicino Kiev. Arrendetevi o vi finiremo"

In un video il fedelissimo di Putin si mostra in mimetica attorno a un tavolo per definire piani di guerra. Ministro dell'Interno ucraino: "E' in un seminterrato nel distretto della capitale"

14 mar 2022

Roma, 14 marzo 2022 - Ramzan Kadyrov, il leader della Cecenia e fedelissimo di Vladimir Putin, è in Ucraina per combattere con le forze russe. In un video postato su Telegram, Kadyrov si mostra in mimetica insieme ad altri soldati attorno a un tavolo per definire piani di guerra. Il leader della Cecenia dice di essere vicino Kiev, a Gostomel, l'aeroporto nei pressi della capitale catturato dalle forze russe nei primi giorni della loro offensiva. "L'altro giorno eravamo a circa 20 chilometri da voi nazisti, ora siamo ancora più vicino", afferma il leader ceceno nelle immagini, esortando le forze ucraine ad arrendersi o "vi finiremo". La conferma, secondo quanto riporta l'agenzia Unian, arriva dal ministro degli interni ucraino, Anton Gerashchenko: Kadyrov, ha dichiarato, è a Ivankov, nel distretto di Kiev, nascosto in un seminterrato. Ma Mosca nega di essere a conoscenza della posizione del ceceno: il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha invitato a rivolgere la domanda direttamente alle autorità cecene.

Kadyrov e il bluff: il brutale leader ceceno non è a Kiev

I Kadyrovtsy ceceni alle porte di Kiev. Chi sono

I Kadyrovtsy ceceni: "Se Putin chiude gli occhi finiamo in 2 giorni"

Secondo Kadyrov, che è accusato dalle Ong internazionali di gravi violazioni dei diritti umani nella repubblica del Caucaso, l'offensiva in Ucraina non sta andando come sperato perché non è abbastanza brutale: in un messaggio audio pubblicato nei giorni scorsi, si è rivolto direttamente al presidente russo e gli ha chiesto di "chiudere gli occhi di fronte a tutto e consentire di farla finita in un paio di giorni". Kadyrov, che ora governa la Repubblica di Cecenia russa con il pugno di ferro, è un ex ribelle diventato alleato del Cremlino con una forza paramilitare al suo comando. Già all'inizio dell'offensiva russa sui social network sono circolate immagini che mostrano una piazza della capitale cecena Grozny piena di soldati che affermano di essere diretti in Ucraina.

Ucraina, morta con il suo bimbo la donna incinta della foto simbolo di Mariupol

Chi è Ramzan Kadyrov

Ramzan Kadyrov, che ha annunciato il suo arrivo in Ucraina presumibilmente per l'assalto a Kiev, è il leader della Repubblica russa di Cecenia, che negli anni del uso ormai uno Stato nello Stato dove in molti ambiti si applica la sharia - ma anche un 'protetto' del presidente Vladimir Putin, a cui in cambio ha dimostrato sempre massima fedeltà. Kadyrov, 45 anni, si è spesso descritto come il "soldato di fanteria" di Putin. Governa con pugno di ferro questa repubblica del Caucaso russo a maggioranza musulmana dal 2011; è stato ripetutamente accusato dagli Stati Uniti e dall'Unione europea di violazioni dei diritti, che lui ha sempre negato. I suoi uomini - i famigerati 'kadyrovtsy', una vera e propria milizia paramilitare al suo comando e ritenuta responsabile di torture, rapimenti e arresti arbitrari - sono dietro la campagna di persecuzione contro gli omosessuali, denunciata e documentata nel 2017 dal giornale Novaya Gazeta, e a cui Kadyrov rispose con la ormai celebre frase "non ci sono gay in Cecenia". Due anni prima, nonostante le smentite del Cremlino, si era ipotizzato un suo diretto coinvolgimento nella morte dell'oppositore ed ex vice premier russo, Boris Nemtsov, suo grande critico e assassinato di fronte al Cremlino in un delitto di cui ancora non è stato individuato il mandante. Dopo la fine dell'Urss nel 1991, Mosca ha combattuto due feroci guerre contro i separatisti in Cecenia. Da allora ha versato ingenti somme di denaro nella regione per ricostruirla e ha concesso a Kadyrov una larga misura di autonomia in cambio di fedeltà e stabilità.

La mappa: cosa succede sul campo

Ex parlamentare: una casa a chi uccide Kadyrov

L'ex parlamentare ucraino Yevhen Rybchynsky ha promesso una casa con un appezzamento di terreno vicino a Kiev a chi riesca a uccidere il leader ceceno e fedelissimo di Putin, Ramzan Kadyro. Lo ha postato su Facebook, secondo quanto riporta l'agenzia di stamoa ucraina Unian. "Se Kadyrov è davvero vicino a Kiev, allora ogni combattente delle forze armate e della difesa terroristica deve porsi l'obiettivo di distruggere questa vergogna del popolo ceceno e dell'alleato di Huila. Prometto che la testa di Kadyrov è una casa di 40 acri vicino a Kiev!", ha scritto Rybchynsky.

La mappa

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?