Mercoledì 17 Luglio 2024

"Julia non è Maddie": la famiglia smentisce la 21enne. Cosa sappiamo della storia

"Nostra figlia non è Madeleine McCann". Intanto la 21enne ha raggiunto 1,1 milioni di follower su Instagram (e ha una portavoce)

Londra, 27 febbraio 2023 - Julia Faustyna Wendell, 21 anni, sognava di fare la modella, un giorno ha detto: "Maddie sono io", identificandosi nella bimba scomparsa nel nulla quando aveva 3 anni nel maggio 2007 durante una vacanza in Portogallo con i genitori. La notizia ha fatto il giro del mondo. Ma dietro non c'era purtroppo la soluzione di uno dei più grandi misteri ma solo tanta sofferenza. "Non è Maddie", l'hanno smentita i familiari. "Non è Maddie", hanno ripetuto gli invetigatori.

Approfondisci:

Cleveland, il giallo dei bambini scomparsi. La polizia: ondata senza precedenti. Cosa è accaduto?

Cleveland, il giallo dei bambini scomparsi. La polizia: ondata senza precedenti. Cosa è accaduto?
Approfondisci:

Maddie McCann, la verità del pedofilo tedesco. Ecco cosa scrive nelle lettere dal carcere

Maddie McCann, la verità del pedofilo tedesco. Ecco cosa scrive nelle lettere dal carcere

Denise, Angela e Santina: "Una commissione d'inchiesta per arrivare alla verità"

Denise Pipitone, la mamma Piera Maggio: "Ora una commissione d'inchiesta". Cos'è successo

Denise Pipitone, la bimba nomade sparita nel nulla e quel graffio sul volto

Angela Celentano, l'avvocato della famiglia: "Test del Dna sulla ragazza sudamericana"

Julia e Maddie McCann
Julia e Maddie McCann

"Julia non è Maddie"

La ragazza tedesca, residente in Polonia, è stata smentita dai suoi stessi genitori. Mettendo fine a giorni di silenzio, sulla pagina Facebook di un’associazione polacca di ricerca di persone scomparse pone fine ad ogni speculazione o speranza. " È ovvio che Julia non è Maddie. È  evidente per noi che Julia è nostra figlia, nipote, sorella, nipote, cugina”, scrivono i familiari in un commento molto diretto, senza voler declinare la propria identità.

Una storia di sofferenza

Per giunta argomentano che Julia ha "rifiutato di curarsi nonostante le numerose terapie, i medicinali, gli psicologi e psichiatri consultati". La 21enne si sarebbe rifiutata di entrare "in un ottimo centro psichiatrico in Polonia che voleva accoglierla" e di prendere i medicinali prescritti. Inoltre aggiungono di aver "sempre aiutato questa giovane donna che sognava di essere cantante, modella, famosa, a rimettersi in piedi". I genitori di Julia poi affermano di avere ricordi e fotografie con la figlia, dicendosi "devastati e preoccupati per la situazione attuale", sottolineando che "Internet non dimentica ed è evidente che lei non è Maddie”.

L'account Instagram e la portavoce

Da qualche settimana, tramite il proprio account Instagram identificato come @iammadeleinemcann, a quota 1,1 milione di follower, Julia afferma di essere Maddie. Una settimana fa una donna che si è presentata come sua portavoce ha invitato tutti a non giudicare e ad aspettare la fine delle indagini, ricordando di avere rispetto per Julia e per la sua storia complessa.