Johann Biacsics, il leader no vax austriaco morto a 65 anni
Johann Biacsics, il leader no vax austriaco morto a 65 anni

Bolzano, 1 dicembre 2021 - È morto Johann Biacsics, leader dei 'no vax' in Austria. Aveva 65 anni, è deceduto nella sua casa dopo aver rifiutato le cure ospedaliere ricevute a seguito della positività al Covid. Ricoverato a Vienna a inizio novembre, aveva insistito con i medi per farsi mandare a casa. Voleva curarsi da solo con una soluzione a base di una sostanza disinfettante simile alla candeggina che lui stesso aveva promosso, presentandola come cura "miracolosa" contro il virus. La soluzione 'alternativa' con biossido (o diossido) di cloro è diventata in Austria una bandiera per scettici, negazionisti e cultori delle terapie alternative e domiciliari. La notizia della morte di Biacsics è stata riportata qualche giorno fa dal Die Zeit, il decesso risale al 10 novembre. La famiglia resta convinta che il leader 'no vax' non sia morto di Covid: "Ufficialmente, sarà incluso nelle vittime di Coronavirus, ma noi sappiamo che non è così", si legge sul sito in cui parla il figlio Markus che ha lanciato anche una raccolta fondi per sostenere la causa del padre. 

Austria

Oggi, intanto, il Parlamento austriaco ha deciso di estendere di 10 giorni il lockdown imposto per contenere la diffusione del virus dopo l'emergere della variante Omicron e in vista del Natale. Approvata anche una modifica degli orari di apertura dei negozi, che da domani dovranno chiudere alle 19 invece che alle 21. Il governo si è tuttavia impegnato a revocare le misure di restrizione il 12 dicembre per coloro che sono vaccinati o sono guariti di recente. Nonostante i casi giornalieri di Covid-19 siano diminuiti in Austria da quando il governo ha deciso di attuare nuove misure restrittive, il tasso di ospedalizzazione continua ad aumentare.