New York, 16 maggio 2019 - Jeff Koons è l'artista vivente più pagato. Un suo "Coniglio" di inox, creato nel 1986, è stato battuto da Christie's a New York per 91,1 milioni di dollari. Si tratta del nuovo record per un'opera di un artista ancora in vita. Superato il primato stabilito lo scorso novembre da David Hockney

La scultura "Rabbit" di Koons, ispirata da un giocattolo gonfiabile per bambini, è in edizione limitata di tre esemplari, ed era l'ultima ancora in mani private, secondo quanto dichiarato da Christie's: faceva parte della collezione dell'editore di Conde Nast, S.I. Newhouse.

L'asta è partita da 50 milioni, e alla fine se l'è aggiudicata il gallerista Robert Mnuchin, il padre del ministro del Tesoro statunitense Steven Mnuchin, presente in sala.

Confermata così la tendenza che vuole le sculture metalliche di Koons tra le favorite dei miliardari. Nel 2013 il suo "Balloon Dog (Orange)", del 1990, aveva toccato i 58,4 milioni di dollari. 

Con il "Coniglio" Koons ha battuto il primato di 90,2 milioni di dollari, stabilito sempre nella casa d'aste newyorchese, da un dipinto di Hockney del 1972 "Portrait of an Artist (Pool with Two Figures)" ("Ritratto di artista (con due figure)"). 

Jeff Koons, ritenuto da molti l'erede di Andy Warhol, nelle sue opere ripercorre le linee kitsch del quotidiano americano, specchio del cosumismo e degli eccessi. Altro maestro a cui Koons viene associato è Marcel Duchamp, del quale reinterpreta la tecnica del ready-made. Curiosità: è stato sposato nel '91 con Ilona Staller "Cicciolina" da cui ha avuto un figlio, i due si separano poco dopo.