21 gen 2022

L'Infanta Cristina e l'ultimo scandalo. Foto del marito con l’amante

Spagna, lei lo difese al processo per frode fiscale. Lui: cose che capitano

viviana ponchia
Esteri
featured image
naki Urdangarin con Ainhoa Armentas sulla rivista Lecturas. E con l'infanta Cristina

Sono cose che capitano, ha detto quando il marito è stato sorpreso con un’altra. Ma sembra che capitino tutte a lei. Al capolinea di un matrimonio costellato da infedeltà e scandali giudiziari, tagliata fuori dalla linea di successione alla corona, a 56 anni l’Infanta di Spagna Cristina avrà ripensato alla faccia del suo papà il giorno in cui gli disse di essere innamorata. Passi un borghese, un giocatore di pallamano. Ma ambizioso e manipolatore no. Poi anche Juan Carlos si fece andare bene quella pertica di Inaki Urdangarin, finì addirittura per preferirlo all’altro genero, l’impettito Jaime de Marichalar sposato con l’Infanta Elena. Il tempo ha dato torto a entrambi, perché il cognato di re Felipe ha fatto di tutto per portare altro scompiglio nelle stanze in perenne marasma della Zarzuela. L’ultima impresa lo vede immortalato con l’avvocatessa di 43 anni Ainhoa Armentia sulla spiaggia di Bidart. E poi mano nella mano mentre entra nella sede dello studio legale dove sta svolgendo un lavoro di reinserimento sociale dopo la condanna per malversazione, evasione fiscale e riciclaggio. "Queste cose possono succedere – è stata anche la sua replica – e sapremo gestirle nel migliore dei modi". L’Infanta Cristina, arroccata in Svizzera dopo che il marito è finito in carcere, non è caduta dalle nuvole. E Pablo, uno dei 4 figli, ha cercato di domare la stampa a Barcellona lasciando intendere che il matrimonio dei genitori era in bilico da un po’. Però tutto era iniziato come una favola. Nel 1996, ai Giochi olimpici di Atlanta, dove l’aitante Inaki Urdangarin capitanava la nazionale di pallamano. Fu un attimo per lei perdere la testa e per lui lasciare la fidanzata. Il 4 ottobre 1997 si sposarono nella cattedrale di Barcellona, 1.500 invitati e molte teste coronate. Nacquero Juan, Pablo, Miguel e Irene. Meno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?