India, code per il test sul Coronavirus (Ansa)
India, code per il test sul Coronavirus (Ansa)

Nuova Delhi, 24 novembre 2020 - I pochi mesi è sopravvissuto al Covid, al Dengue e alla malaria, e come ultimo è stato dimesso dalla terapia intensiva dopo essere stato morso pure da un cobra. L'Highlander dei giorni nostri si chiama Ian Jones ed è un cittadino britannico che presta opera di volontariato a Jodhpur, nello Stato indiano del Rajastan. 

Ian - racconta la famiglia all'Evening Standard  - si è trasferito in India pochi mesi fa e dall'inizio della sua permanenza ha già contratto la malaria, la dengue e il coronavirus. Sopravvivendo a tutto.
L'ultima prova non è stata facile: Jones, che dirige un'Ong dedicata al sostegno ai poveri, al momento del ricovero aveva perso la vista e non riusciva a muovere gli arti. Sia la cecità che la paralisi si sono però rivelate transitorie, tanto che l'uomo è stato presto rispedito a casa per proseguire la convalescenza da un morso che ha conseguenze spesso fatali.

I medici che lo hanno curato si sono detti ottimisti sul recupero dell'operatore umanitario, che è inoltre risultato negativo al nuovo test per il coronavirus al quale è stato sottoposto. "Papà è un combattente", ha commentato il figlio Seb, assicurando che il genitore "rimane risoluto nella sua determinazione nel restare nel Paese e continuare il suo lavoro per soccorrere le persone che hanno bisogno del suo aiuto".