Un frame del trasporto dei feriti dopo l'incidente
Un frame del trasporto dei feriti dopo l'incidente

Mosca, 17 agosto 2019 - Uno dei medici che hanno curato i feriti dell'incidente nucleare dell'8 agosto nel poligono di Neonoska, oblast di Severodivinsk, Russia europea artica, che ha fatto 7 morti e 15 feriti è stato contaminato da cesio 137. L'isotopo radioattivo è stato trovato nei tessuti dei suoi muscoli dopo un controllo effettuato in un ospedale di Mosca.

Ricercatori francesi: è allarme contaminazione

A rivelarlo è stato il Moscow Times, che conferma anche che i sanitari non furono informati che stavano soccorrendo dei feriti contaminati da radiazioni. I tre feriti, scrive il quotidiano moscovita, sono arrivati all'Arkangels regional hospital verso le 16:30, nudi e avvolti in sacchetti di plastica traslucidi. Lo stato dei pazienti ha fatto sospettare al personale che si trattasse di qualcosa di molto grave. Ma l'unica informazione che i sanitari avevano all'epoca era che c'era stata un'esplosione in un sito militare vicino a mezzogiorno. "Nessuno - né i direttori dell'ospedale, né i funzionari del Ministero della Salute, né i funzionari regionali o il governatore - ha notificato al personale che i pazienti erano radioattivi", ha detto al Moscow Times uno dei chirurghi.

"I lavoratori dell'ospedale avevano i loro sospetti, ma nessuno ha detto loro di proteggersi". Quattro medici di sesso maschile all'ospedale di Arkhangelsk - due in posizioni dirigenziali - e un operatore sanitario hanno detto al Moscow Times che il loro  personale è rimasto scioccato e irritato dagli eventi che hanno avuto luogo. I medici hanno parlato a condizione di anonimato, citando un periodo di maggiore attenzione da parte dei servizi di sicurezza russi.

I medici hanno detto che il 9 agosto, a tutto il personale che ha lavorato direttamente con i pazienti, è stato chiesto dagli agenti del Federal Security Service (FSB) di firmare accordi di non divulgazione che impediscono loro di parlare di ciò che è successo."Non sono stati costretti a firmarli, ma quando tre agenti FSB arrivano con una lista e chiedono a quelli sulla lista di firmare, pochi diranno di no", ha detto uno dei medici.

"Ai medici - scrive ancora il Moscow Times - è stato offerto un viaggio a Mosca per effettuare esami in una clinica specializzata. Tutti e quattro hanno detto che circa 60 dei loro colleghi, compresi quattro o cinque paramedici che avevano trasportato i pazienti in ospedale, hanno accettato l'offerta.  Il primo gruppo ha volato a Mosca ore dopo l'incontro con i rappresentanti del Ministero della Salute".

"Secondo tre dei medici, comprese entrambe le fonti senior - prosegue il quotidiano - uno dei medici che volavano a Mosca è risultato avere il cesio-137 - un isotopo radioattivo che è un sottoprodotto della fissione nucleare dell'uranio-235 - nel suo tessuto muscolare. Una delle fonti ha detto che il medico interessato glielo aveva detto direttamente, anche se non era stato informato della quantità o della concentrazione dell'isotopo trovato". I medici hanno detto anche che dopo che due gruppi hanno volato a Mosca il resto dei voli sono stati cancellati. Hanno anche detto che dopo che i risultati erano tornati esperti di radiazioni sono stati portati ad Arkhangelsk per effettuare i test lì.

Secondo tre dei medici, due dei tre pazienti che sono stati curati presso l'Ospedale Clinico Regionale di Arkhangelsk non sono nemmeno arrivati a Mosca, morendo durante il tragitto verso l'aeroporto. Hanno detto che gli agenti dei servizi di sicurezza che hanno visitato l'ospedale il 9 agosto hanno recuperato e cancellato tutte le informazioni sull'incidente che si trovava negli archivi dell'ospedale. "È come se l'evento non esistesse più", ha detto uno dei medici. "Senza documentazione il personale non potrebbe provare a portare nessuno in tribunale, anche se lo volessero.

Una dottoressa dell'ospedale di Arkangelsk ha invece parlato con il quotidiano locale Northern News. "L'8 agosto - ha detto - tutti hanno saputo che c'era stato un incidente nella base militare di Neonoska. I colleghi i cui figli vivevano a Severodvinsk erano preoccupati. Ho lavorato tutto il giorno e poi sono andata a casa mentre i colleghi di servizio sono rimasti".  Allora sono arrivati i pazienti. "Il giorno dopo - ha proseguito la dottoressa - ho scoperto che nessuno era autorizzato ad entrare nel reparto accettazione e nell'unità operativa dove erano ricoverate le vittime. Tutti avevano i diveto di entrare e nessuna persona sana di mente sarebbe entrata. I medici che hanno operato sui pazienti non sono stati informati che c'era polvere radioattiva e che i pazienti stessi erano radioattivi. Solo dopo qualche tempo hanno ricevuto dei grembuli di piombo. Il personale medico è preoccupato, conosco molti di loro. Una cinquantina di loro sono stati invitati ad andare a Mosca per controlli. Da Mosca è già arrivata la notizia che il primo lotto di medici e infermieri sottoposti ad esami gli esami di sangue e urine non mostrano radioattività. Ma nessuno si fida. Nessuno. Completa sfiducia".