Un sottomarino nel porto di Severodvinsk (Ansa)
Un sottomarino nel porto di Severodvinsk (Ansa)

Mosca, 10 agosto 2019 - E' salito a 7 morti e 3 feriti il bilancio dell'esplosione di giovedì scorso - causata da un missile a propulsione atomica Burevestnik- a Nyonoksa, nella regione nord occidentale russa di Arkhangelsk. Le vittime sono esperti dell'agenzia nucleare russa Rosatom che in una nota ufficiale ha anche ammesso che l'incidente è avvenuto "durante i lavori d'ingegneria e manutenzione tecnica delle fonti isotopiche nel motore a propellente liquido". E' una ammissione importante, perchè esiste un solo missile con doppio sistema di propulsione propellente liquido/nucleare, il missile da crociera Burevestnik. E' di fatto la conferma che l'incidente ha riguardato quel sistema d'arma."Cinque nostri colleghi sono morti  e altri tre hanno riportato lesioni e ustioni di varia gravità"  riporta la nota di stamani di Rosatom, che, ripresa dall'agenzia TASS, nella versione in inglese non riporta l'accenno alla fonte isotopica. Evidentemente, il tentativo di minimizzare l'accaduto continua. In precedenza le autorità russe avevano parlato di due morti e sei feriti. Ma era chiaro che il conto delle vittime andava preso con cautela. Il comunicato di Rosatom non cita infatti morti o feriti militari, che è invece probabile che ci siano visto che l'incidente avveniva in un poligono della Difesa, quindi il bilancio era molto probabilmente parziale. E infatti l'agenzia TASS ha diffuso un lancio nel quel si citano fonti del ministero della Difesa e si afferma che il numero dei morti è salito a sette. Probabilmente i cinque civili e due militari. L'agenzia Ria Novosti da parte sua ha detto che l'incidente sarebbe avvenuto su una chiatta ancorata davanti al poligono e sarebbe avvenuto dopo il completamento del test missilistico in programma. Il combustibile liquido si sarebbe incendiato e avrebbe coinvolto uno dei razzi, facendolo esplodere.

Aggiornamento bis: nuovi particolari sull'esplosione del missile

Aggiornamento: esplosione rilevata fino in Norvegia

Da Rosatom filtrano intanto particolari sui cinque suoi dipendenti morti. Vivevano nella città chiusa di Sarov nella regione di Nižnij Novgorod e lavoravano nell'ufficio di progettazione n. 12 dell'Istituto di ricerca  russo di fisica sperimentale - RFNC-VNIIEF. Si chiamano Yevgeny Korotaev, Sergey Pichugin, Vladislav Yanovsky,  e poi ci sono due dipendenti dei quali è stato reso noto solo il cognome, Lipshev e Vyushin. Di Yanovsky e Lipshev  non è stato ancora recuperato il corpo, finito in mare. Forti non ufficiali di Rosatom dicono che i feriti, tutti con ferite anche da radiazioni, sarebbero quindici e non tre. Tra i feriti della Rosatom ci sarebbero i ricercatori Igor Andreevich Berezin, Sergey Sergeyevich Plaksin,  Alexey Alekseevich Perepelkin, Dmitry Evgenyevich Abalin, Alexander Ivanovich Manusin, Sergy Vasilyevich Grishhin Il bilancio sarebbe quindi di sette morti e 15 feriti. Per ora. 

 Il sito della regione di Arkhangelsk è una delle principali strutture di ricerca e sviluppo per la Marina russa, dove vengono sviluppati e testati missili balistici, intercontinentali e da crociera. Si trova a circa 30 km a nord ovest della città di Severodvinsk, che ospita un'importante base della Flotta del Nord dove vengono costruiti la maggior parte dei sommergibili nucleari russi.

Allarme radioattività

Poco dopo l'esplosione, le autorità di Serodvink - a 47 km via terra dal sito sperimentale - hanno rilevato un alto livello di radiazioni dopo l'incidente, ma dopo 40 minuti queste sono tornate normali.  Greenpeace Russia ha chiesto che una verifica dei livelli di radiazioni a Severodvinsk, dove sono stati registrati livelli radioattivi 20 volte superiori alla norma per quella regione. Le autorità sostengono che oggi i lòivelli di radioattività in aria sono normali. L'ong si è rivolta all'autority per i consumatori, Rospotrebnadzor, per chiedere di stabilire i termini esatti dell'aumento della radioattività, quali radionuclidi, nello specifico, siano stati dispersi nell'aria e se questi costituiscano una minaccia per la popolazione della zona.  "A parte questo, è importante stabilire le ragioni dell'innalzamento della radioattività", ha scritto sul suo sito

Le autorità, minimizzano. "Lo sfondo delle radiazioni è a un livello naturale normale - ha affermato Dmitry Chistyakov, capo del servizio stampa della direzione principale del Ministero per le emergenze nella regione di Arkhangelsk _ è in queste ore 12-13 micro-roentgen all'ora. A Severodvinsk e Arkhangelsk ci sono sensori del sistema automatizzato per il monitoraggio dell'ambiente ASKRO. Questi sono sensori di un sistema di controllo oggettivo. E dicono che è 12–13 micro-roentgen all'ora. Non è necessario parlare di alcun pericolo di radiazioni, oggi. Oltre a questo stanno lavorando laboratori mobili di controllo radiazioni che monitorano lo stato dello sfondo delle radiazioni in vari punti di Onega, nelle regioni di Primorsky, intorno a Severodvinsk. E ci dicono anche che l'ambiente naturale è normale ovunque". Quello che nob dicono invece è quali radionuclidi sono stati rilasciati, informazione che consentirebbe di capire anche la natura dell'incidente e i rischi radiologici per chi avesse inalato eventuali radionuclidi durante il passaggio della nube radioattiva.  
.

SI SPECULA SULLA PAURA - Dopo l'incidente molti abitanti di Arkangelsk e Severodvinsk hanno acquistato nelle farmacie locali tutte le dosi di iodio - utilizzato per proteggere la tiroide dagli effetto dello iodio 131 radioattivo emesso in caso di incidente - e questo ha scatenato appetiti commerciali, L'impianto di alghe di Arkhangelsk sulla sua risorsa sul social network russo VKontacte ha espresso le sue condoglianze alle famiglie delle persone uccise e ferite nell'incidente vicino al villaggio di Nenoksa e ha proposto i suoi prodotti  "per la prevenzione dell'esposizione alle radiazioni a prodotti naturali". "Per purificare il corpo e arricchire il corpo con iodio organico, offriamo i nostri prodotti naturali a base di alghe del Mar Bianco", afferma la pagina VKontakte del produttore di prodotti alle alghe che, si sostiene, hanno un "effetto anti-radiazioni". Un elenco di prodotti alle alghe ricchi di iodio è stato pubblicato sul web sostenendo che forniscono "radioprotezione" e vengono venduti con uno sconto.  Il produttore ammete però che il supplemento dietetico proposto non è un medicinale e prima dell'uso è necessario consultare un medico. E sarebbe il caso.