Il presidente ucraino. Lotte di potere verso il voto. Zelensky sempre più solo

In Ucraina, il presidente Zelensky è impegnato in una lotta di potere con il popolare capo di Stato maggiore Zaluzhnyi, temendo che possa diventare un suo avversario alle presidenziali. Zelensky potrebbe rinviare le elezioni o confermare Zaluzhnyi al suo posto, assicurandosi una rielezione.

Il presidente ucraino. Lotte di potere verso il voto. Zelensky sempre più solo

Il presidente ucraino. Lotte di potere verso il voto. Zelensky sempre più solo

Nonostante la guerra, o meglio a causa di una guerra che è ormai finita in un ’cul-de-sac’ nonostante gli annuncia di una “reconquista“ che sarebbe dovuta arrivare fino alla Crimea, Volodymyr Zelensky, 43 anni, è impegnato in una lotta di potere dai contorni oscuri. Non tanto e non solo con avversari poltici come l’ex presidente Petro Poroshenko, al quale il servizio segreto ha negato l’uscita dal Paese per evitare che si incontrasse con un “nemico dell’Ucraina“ come il presidente ungherese Orban, o del confronte mediatico con il popolare sindaco di Kiev Vitali Kitschko. Poroshenko e Klitschko sono due potenziali avversari alle presidenziali e il voto, teoricamente, dovrebbe tenersi a marzo 2023. Ma è anche vero che un accordo tra i gruppi poltici della Verkhovna Rada (il parlamento ucraino) ha deciso di posticiparlo "fino alla fine della legge marziale". Il vero braccio di ferro è con il capo di Stato maggiore Valery Zaluzhnyi, popolarissimo tra la gente. L’allarme nell’entourage di Zelensky è nato quando il capo di Stato maggiore ha creato un fondo di beneficenza chiamato ’Vinceremo’, che alcuni consiglieri di Zelensky temono possa diventare l’embrione di un partito poltico. Da qui è partita la voce che Zelensky starebbe meditando di sostiture Zaluzhnyi, e di rinviare sine die le elezioni. Ma questa ipotesi è contrastata da un uomo molto vicino a Zelensky, Andriy Yermak, che teme che proprio il ’licenziamento’ porterebbe Zaluzhnyi in poltica. Da qui, il possibile contropiano. Confermare al suo posto il capo di Stato maggiore e andare ad elezioni a marzo. Sarebbe una ’mossa del cavallo’ che spiazzarebbe le (probabili) ambizioni di Zaluzhnyi – che un sondaggio rivelato dal quotidiano Strana dà 25% contro il 35% di Zelensky al primo turno – e assicurerebbe al presidente una rielezione quasi certa.