Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
6 giu 2022

Il cardinale: preparatevi all’esodo degli affamati

L’allarme dell’africano Nzapalainga: "La crisi del grano spinge i prezzi alimentari, prevedo rivolte e l’assalto ai confini dell’Europa"

6 giu 2022
giovanni panettiere
Esteri
Secondo l’associazione Oxfam, in Africa 1 persona su 5 soffre di denutrizione
Secondo l’associazione Oxfam, in Africa 1 persona su 5 soffre di denutrizione
Secondo l’associazione Oxfam, in Africa 1 persona su 5 soffre di denutrizione
Secondo l’associazione Oxfam, in Africa 1 persona su 5 soffre di denutrizione

La crisi del grano è la spada di Damocle sul futuro del continente africano. Quanto sta accadendo in Ucraina ha fatto già schizzare il prezzo delle materie prime in territori poverissimi - per ActionAid il 42,7% dei Paesi indigenti si colloca nell’Africa subsahariana - e rischia di avere "ripercussioni imprevedibili" sulla tenuta sociale di aree di per sé instabili come sulla portata dei flussi migratori. Della "polveriera africana" parla il cardinale Dieudonné Nzapalainga, balzato alle cronache internazionali per aver inaugurato nel 2015, al fianco di papa Francesco, il Giubileo della misericordia dalla basilica di Bangui, la capitale della Repubblica Centrafricana di cui è arcivescovo. Campione del dialogo interreligioso e della riconciliazione - il 55enne ha dato alle stampe in questi giorni il libro ‘La mia lotta per la pace’ -, l’alto prelato denuncia la disparità di trattamento fra la giusta attenzione internazionale data al destino di Kiev e il disinteresse diffuso sui mali del Continente nero. Quali ripercussioni sta avendo il conflitto in Ucraina sui paesi africani? "Il prezzo delle forniture alimentari sale in continuazione, è il caso dello zucchero, dell’olio, della farina. Ma anche delle materie prime indispensabili per costruire le case. Se si toglie il pane a milioni di persone, ci possono essere delle rivolte". Prevede anche un deciso incremento dei flussi migratori verso l’Italia? "C’è un’espressione francese che dice: una pancia affamata non ha orecchie. La fame può spingere la gente ad andare dove c’è da mangiare. Visto che in questo caso il granaio si trova in Francia, in Germania o in Italia, in centinaia di migliaia possono anche prendere il rischio di morire nel deserto e nel mare, pur di avere una speranza per lavorare e mangiare. La gente ha bisogno di concime per fertilizzare i campi e, come sappiamo, queste materie prime arrivano dall’Ucraina. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?