Roma, 21 ottobre 2019 - I satelliti Copernicus Sentinel-1 e Sentinel-2 hanno rivelato nuove crepe nel ghiacciaio di Pine Island, una delle principali "arterie di ghiaccio" della calotta dell'Antartide occidentale. Le due grandi spaccature sono state individuate per la prima volta all'inizio del 2019 e sono cresciute rapidamente fino a raggiungere una lunghezza di circa 20 km

"Queste nuove spaccature - osserva Mark Drinkwater, capo della divisione Earth and Mission Sciences dell'ESA - sono apparse molto presto dopo il distacco, avenuto lo scorso anno, dell'iceberg B46. Il monitoraggio invernale di Sentinel-1 segnala che un nuovo iceberg di proporzioni simili verrà presto messo al mondo". Il Pine Island Glacier, insieme al vicino Thwaites, collega il centro della calotta di ghiaccio dell'Antartide occidentale con l'oceano, scaricando insieme quantità significative di ghiaccio nell'oceano. Entrambi hanno perso drammaticamente ghiaccio negli ultimi 25 anni.

Lo scioglimento del ghiacciaio

Dall'inizio degli anni '90, la velocità di scorrimento del ghiaccio di Pine Island è aumentata drammaticamente, raggiungendo valori che superano i 10 metri al giorno. La sua parte galleggiante, che ha uno spessore medio di circa 500 metri, ha subito una serie di eventi di distacco negli ultimi 30 anni, alcuni dei quali hanno cambiato bruscamente la forma e la posizione del fronte di ghiaccio. Questi cambiamenti sono stati mappati dai satelliti ESA dagli anni '90, con eventi didistacco che si sono verificati nel 1992, 1995, 2001, 2001, 2007, 2011, 2013, 2015, 2017 e 2018. L'ultimo dei quali, chiamato B46 dal National Ice Center degli Stati Uniti, era di circa 226 kmq.

Antartide, il lavoro dei satelliti

I satelliti ERS-1, ERS-2, Envisat e Copernicus Sentinel-1 hanno precedentemente fornito immagini per monitorare i cambiamenti in questi ghiacciai. Con le immagini di Copernicus Sentinel-1 per tutto l'anno, è possibile seguire i cambiamenti nella velocità del flusso di ghiaccio, monitorare la migrazione della linea di terra e lo sviluppo di fratture e fratture che alla fine portano al distacco degli iceberg. L'avanzato radar ad apertura sintetica (SAR) di Copernicus Sentinel-1 è in grado di riprendere la superficie terrestre attraverso pioggia e nuvole, di giorno e di notte. Questo è particolarmente utile per monitorare le aree antartiche durante i lunghi periodi di buio invernale.

Recentemente, la frequenza degli eventi di distacco dal Pine Island Glacier è aumentata. Il ghiacciaio perde massa a causa di una combinazione di eventi di distacco e di una forte fusione basale, dove le calde correnti oceaniche erodono la parte inferiore della piattaforma di ghiaccio galleggiante. Mentre  la piattaforma si assottiglia e si staccano enormi iceberg, lo scarico del ghiacciaio non è in grado di reintegrare il ghiaccio perso e la parte anteriore della piattaforma arretra dalla sua posizione precedente.

Lo studio dei dati degli ultimi 25 anni

Combinando 25 anni di dati satellitari dell'ESA, gli scienziati hanno scoperto che il riscaldamento delle acque oceaniche ha fatto sì che il ghiaccio si assottigliasse rapidamente e che il 24% del ghiaccio dell'Antartide occidentale è ora instabile. Un articolo pubblicato in Geophysical Research Letters (lo trovate QUI) dal Centre for Polar Observation and Modelling (CPOM) del Regno Unito ha utilizzato oltre 800 milioni di misurazioni dell'altezza della calotta antartica registrata dagli altimetri radar sulle missioni satellitari ERS-1, ERS-2, Envisat e CryoSat dell'ESA tra il 1992 e il 2017. Lo studio ha utilizzato anche simulazioni di nevicate nello stesso periodo prodotte dal modello climatico regionale RACMO. L'insieme di queste misure permette di separare le variazioni dell'altezza dello strato in quelle causate da eventi meteorologici, che influenzano la neve, e quelle causate da cambiamenti climatici a lungo termine, che influenzano i ghiacci.

Lo strato di ghiaccio, dice la ricerca, si è assottigliato fino a 122 metri in alcuni punti, con i cambiamenti più rapidi che si verificano nell'Antartide occidentale, dove lo scioglimento degli oceani ha innescato lo squilibrio dei ghiacciai e le sue più grandi correnti di ghiaccio - Pine Island e Thwaites - stanno perdendo massa cinque volte più velocemente rispetto agli anni Novanta. Complessivamente, le perdite di ghiaccio dell'Antartide orientale e occidentale hanno aggiunto 4,6 mm di acqua al livello globale del mare dal 1992.