Roma, 22 ottobre 2021 - Nel dramma che ha sconvolto il cinema americano i proiettili sparati 'involontariamente' da Alec Baldwin hanno ucciso una donna, Halyna Hutchins, che era sul set di 'Rust' come direttrice di fotografia. Un grandissimo talento, stando a quello che raccontano di lei i suoi colleghi, tanto da essere soprannominata due anni fa "stella nascente" dall'associazione statunitense 'American Cinematographer'. 

Alec Baldwin e il tragico incidente: i punti oscuri e i precedenti

Nata in Ucraina nel 1979 e cresciuta in una base militare sovietica nel circolo artico si è inizialmente dedicata al giornalismo e alla produzione di alcuni documentari sull'Europa dell'est. Per coronare il sogno del cinema si è trasferita negli Usa, dove, dopo alcuni ruoli in produzione, dal 2013 al 2015 ha studiato all''American Film Institute Conservatory' sotto la guida di Stephen Lighthill. Nel 2018 è stata una delle prime otto donne a partecipare al programma 'Fox DP Lab', istituito per offrire maggiori opportunità alle donne nel mondo del cinema. Tra i suoi ultimi lavori il film 'Archenemy' di cui nel 2020 era stata direttrice di fotografia. 

Brandon Lee, la morte sul set e le leggende su "The Crow"

Sono tantissimi i commossi messaggi lasciati dai fan sotto i post Instagram di Halyna. La fotografa stava raccontando sul suo profilo come stavano andando le riprese: sorrisi, foto di gruppo, tramonti e scorci 'western' del New Mexico. Fino al tragico incidente di questa mattina.