Haiti, devastante terremoto (Ansa)
Haiti, devastante terremoto (Ansa)

Port-au-Prince, 14 agosto 2021 - Haiti devastata ancora da un forte terremoto: una scossa di magnitudo 7.2 della scala Richter ha colpito oggi l'isola caraibica provocando la morte di oltre 300 persone, e gravi danni a edifici e strutture. Il sisma è stato rilevato dall'agenzia statunitense Usgs (US Geological Survey), che ha individuato l'epicentro a 12 km a nord-est di Saint-Louis du Sud, a una profondità di 10 km. La terra ha tremato alle 8.29 ora locale, provocando gravi danni nel sud del Paese. I media locali mostrano le immagini di edifici crollati a Jeremie, Aquinoise e Les Cayes, e di persone fuggite dalle proprie abitazioni per paura di crollo degli edifici. Un bilancio aggiornato parla di oltre 300 vittime accertate ("Centinaia i feriti"), di cui 158 nel sud, ma è destinato a crescere per il gran numero di dispersi e per l'entità dei danni a case, chiese ed edifici pubblici.

Una seconda scossa di magnitudo 5.2 della scala Richter è stata registrata 20 minuti dopo la prima di 7.2, con epicentro nel dipartimento sud, 37 chilometri a sudest di Jeremie, dove già si contano numerosi edifici crollati e vittime. Una terza scossa, di magnitudo 4.1, ha colpito invece a 9 chilometri da Petit Troup de Nippes. Il direttore della protezione civile del Paese, Jerry Chandler, ha confermato le 29 vittime: 17 registrate nel dipartimento di Grand-Anse, 9 nella città di Cayes e 3 nel dipartimento di Nippes, epicentro del terremoto. Il premier haitiano ha sorvolato le aree più devastate: "Porgo le mie condoglianze ai parenti delle vittime di questo violento terremoto, che ha causato la perdita di numerose vite e proprietà in diversi dipartimenti del Paese. Ho già mobilitato l'intero team del governo per adottare tutte le misure necessarie con urgenza", il tweet. Il primo ministro ha poi dichiarato lo stato di emergenza.

Secondo il 'Gazete Haiti' tra le vittime ci sono due bambini di sette e nove anni, ad Aquin e a Nippes. Sui video condivisi online, si vedono le rovine di vari edifici in cemento, tra cui una chiesa in cui a quanto sembra era in corso una cerimonia nella città di Les Anglais, 200 km a sud-ovest della capitale Port-au-Prince.

Il terremoto del 2010

La magnitudo registrata oggi è di gran lunga superiore a quella di 6.1 che il 12 gennaio del 2010 devastò il Paese, provocando una catastrofe con 220 mila morti, oltre 300.000 feriti e 1,5 milioni di persone rimaste senza casa. I primi dati del sistema di allarme tsunami degli Stati Uniti per l'area dei Caraibi non ha fornito segnali di pericoli per le coste statunitensi. L'istituto geologico americano Usgs ha comunque diramato per precauzione un'allerta tsunami per l'area, poi revocato dopo un paio d'ore. 

Gli Usa

Il presidente americano Joe Biden ha autorizzato una risposta immediata da parte degli Stati Uniti ed "ha incaricato Samantha Power, amministratore Usaid (Us Agency for International Development) di coordinare questo sforzo", ha reso noto la Casa Bianca. 

Allerta tempesta tropicale

La situazione rischia di precipitare ad Haiti per il meteo: il National Hurricane Center degli Stati Uniti ha previsto che la tempesta tropicale Grace colpirà Haiti tra lunedì sera e martedì mattina. La  protezione civile haitiana ha diramato un avviso.