6 apr 2022

Il vescovo di Kiev ai soldati russi: "Parlo la vostra lingua, fermatevi". L'intervista

Il salesiano Kryvytskyi è di famiglia russofona. Dal presule un appello alla comunità internazionale: "Serve una commissione d'inchiesta sui crimini di guerra come quelli di Bucha, anche a Mariupol si scopriranno atrocità commesse da Mosca"

giovanni panettiere
Esteri
featured image
Il 49enne Kryvytsky, vescovo di Kiev

Kiev, 6 aprile 2022 - La ritirata strategica delle truppe russe dal nord dell'Ucraina alza il sudario di dolore sulle stragi commesse dagli invasori sui civili inermi. Fucilazioni, torture, anziani, bambini, ora si scopre Bucha, domani Mariupol o Chernihiv, è solo questione di tempo, appena sarà possibile tornare un minimo a vivere anche in quelle città. È la triste previsione di vescovo di Kiev per i cattolici di rito latino, Vitalii Kryvytskyi. "Queste atrocità non possono restare impunite, serve una commissione internazionale indipendente per fare giustizia", è la sua richiesta prima di lanciare un accorato appello alle truppe russe. "Vengo dal sud dell'Ucraina, da una famiglia russofona - scandisce il presule salesiano, appena 49 anni -. Non è radendo al suolo le città di lingua russa che si accresce l'amore per il vostro Paese. Lo si distrugge, pensateci e fermatevi".  Che cosa ha provato nel vedere le immagini della strage di civili a Bucha? "Come tutti gli ucraini e non solo sono rimasto choccato da quanto trasmesso dalla televisione. Purtroppo temo che, una volta liberate le altre città occupate dai russi, come Mariupol o Chernihiv, verranno alla luce altre atrocità. Non c'è giustificazione alcuna per questo odio verso l'intero popolo ucraino. Ed è davvero difficile in questo momento trovare parole di consolazione per i famigliari e gli amici di quelle che sono vittime innocenti".  Si sarebbe mai aspettato violenze tali da parte dei russi che, solo fino a poco tempo fa, consideravate fratelli? "Quanto sta accadendo è incomprensibile e inimmaginabile. Sono contrario a qualsiasi atrocità, a ogni forma di uccisione, ma la morte di un soldato in battaglia non può essere paragonata a quella di un civile inerme. Chi ha commesso e chi ha voluto queste stragi deve pagare il suo conto con la giustizia".  Serve una commissione internazionale indipendente sui fatti di Bucha ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?