4 mar 2022

Guerra in Ucraina, i russi si rifugiano in Finlandia: "Finché c'è Putin non torno"

Un flusso continuo di mezzi tra bus e auto private russe sta attraversando la frontiera di Vaalimaa, 200 chilometri a est da Helsinki

Mosca, 4 marzo 2022 - Il dissenso e la paura per la guerra in Ucraina sta nascendo tra i russi, e anche se molti non sanno cosa sta succedendo, o si fidano dell'informazione filtrata del Cremlino (Video anche per spiegare ai bambini perché la Russia fa bene a 'sgridare' il bambino cattivo ucraino), tanti altri la temono. Alcuni hanno manifestato in piazza, e sono stati arrestati, altri stanno cercando rifugio in altri Paesi, vedi Finlandia. 

Approfondisci:

Guerra in Ucraina e Finlandia verso la Nato. Chi è la premier millenial della svolta

Ucraina, svolta Nato. Quando potrebbero entrare Svezia e Finlandia

 

Sommario

Russi in Finlandia

Secondo quanto riportato dalla Bbc tantissimi cittadini russi si stanno spostando nel Paese vicino. C'è chi lo fa per paura che Mosca decida il coprifuoco o faccia entrare in vigore la legge marziale, magari in seguito ad attentati di matrice ucraina. Altri lo fanno semplicemente perché sono contrari, anche perché hanno parenti al di là del confine (Mentre la propaganda nega, arrivano le telefonate dei famigliari in Ucraina che svelano un'altra verità agli ignari russi). Così alla frontiera di Vaalimaa, circa 200 chilometri a est da Helsinki, tra il flusso di macchine e pulman russi, si trovano persone che ammettono: "Le persone in Ucraina sono la nostra gente, la nostra famiglia, non dovremmo ucciderli". Una donna confessa che non vuole neanche tornare "fino a quando c'è il nostro terribile governo lì". 

Chi protesta viene arrestato

Chi decide di affrontare la piazza, contrario all'invasione dell'Ucraina, non ha il diritto di organizzare azioni di protesta senza prima chiedere il permesso. Negli ultimi giorni oltre 7.500 persone sono finite in manette in Russia. Tra cui, si scopre da una denuncia rimbalzata su Facebook (Ora Mosca ha chiuso Fb e anche Twitter), anche 5 bambini, tra i 7 e gli 11 anni, trattenuti dopo essere stati fermati mentre manifestavano per la pace con le mamme davanti all'ambasciata di Kiev a Mosca. Anche l'eroina Yelena Osipova, nota sopravvissuta all'assedio di Leningrado durante la Seconda guerra mondiale ed oggi pittrice, stata arrestata e portata via dalla polizia, un errore che ha scatenato l'indignazione anche dei più freddi al tema ucraino.

Mosca, polizia presidia Piazza del Maneggio a Mosca per bloccare le manifestazioni (Ansa)
Mosca, polizia presidia Piazza del Maneggio a Mosca per bloccare le manifestazioni (Ansa)

Finlandia vuole entrare nella Nato 

Quindi in molti hanno deciso di lasciare il Paese, anche se la Finlandia potrebbe essere la prossima meta di Putin, lo sa bene il presidente finlandese Sauli Niinistö che oggi è stato ricevuto, non a caso, nello studio Ovale dall'omonimo Joe Biden per discutere la minaccia di Putin contro un eventuale ingresso nella Nato di Finlandia e Svezia. E infatti il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg al termine del NAC che si è tenuto oggi a Bruxelles ha annunciato: "Oggi al NAC hanno partecipato anche Finlandia e Svezia. Abbiamo deciso di rafforzare la nostra relazione e lo scambio di informazioni. Entrambe le nazioni ora prenderanno parte alle consultazioni della NATO sulla crisi".

Cremlino: no legge marziale

Così, forse per frenare la fuga in Finlandia, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha definito fake news le notizie su una possibile introduzione della legge marziale in alcune regioni russe e sul divieto agli uomini in età di leva di lasciare il Paese. In quest'ottica, si fa per dire, va avanti la stretta delle autorità sui mezzi d'informazione indipendenti. Le ultime a farne le spese sono la radio Eco di Mosca e la televisione Dozhd. Sul web il sito Meduza è sicuro di essere nel mirino, e attende solo la chiusura.

Allarme per le centrali nucleari. Ue lavora a piano di emergenza

Ucraina, "Terza guerra mondiale sarà nucleare"

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?