Donald Trump (Ansa)
Donald Trump (Ansa)

Washington, 21 agosto 2019 - La Danimarca non vende la Groenlandia? Donald Trump rinvia della sua visita nel Paese, prevista per l'inizio del mese prossimo. 

Il presidente degli Stati Uniti non ha gradito il secco no della premier danese, Mette Frederiksen, che nei giorni scorsi ha respinto la proposta del tycoon di acquistare la grande isola.  

"La Danimarca è un Paese molto speciale con persone incredibili, ma sulla base dei commenti del primo ministro Mette Frederiksen, che non sarebbe interessata a discutere dell'acquisto della Groenlandia, rimanderò il nostro incontro in programma tra due settimane ad un'altra volta", ha twittato Trump.

Trump era atteso in Danimarca, su invito della regina Margrethe II, e nel programma era previsto anche un incontro con la premier Frederiksen. Secondo gli esperti la discussione di questioni che riguardano l'Artico era prevista, ma non c'è ancora, da parte americana, un programma ufficiale.

La casa reale danese ha espresso "sorpresa" per la decisione del presidente americano di rinviare la visita nel Paese scandinavo, prevista per il 2 e 3 settembre. "È stata una sorpresa, ma non abbiamo altro da dire al riguardo", ha commentato la portavoce dei reali danesi, Lene Balleby, all'emittente pubblica 'Dr'. ù

Critico l'ex premier danese ed ex segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, che considera il rinvio della visita di Trump a Copenaghen, per il caso Groenlandia, "una battuta d'arresto per le relazioni diplomatiche fra i nostri due Paesi, ma potrebbe essere un bene". Infatti, secondo Rasmussen, "le sfide economiche e di sicurezza dell'Artico sono troppo importanti per essere affrontate insieme a discussioni inutili come la vendita della Groenlandia", preferendo che si parli "di temi di comune interesse, come l'opposizione al North Stream 2, i timori per il 5G, la lotta al terrorismo e l'Artico". 

Anche Bruxelles appoggia Copenaghen nel rifiuto di vendere la Groenlandia, un 'affare' che alla Danimarca non piace. Natasha Berthaud, portavoce dell'esecutivo Ue , ha detto: "La Commissione sottoscrive totalmente e appoggia la posizione espressa dalla premier danese (Mette Frederiksen) e dal governo della Groenlandia", secondo cui l'isola non è in vendita.