Greta Thunberg al Parlamento Europeo (ImagoEconomica)
Greta Thunberg al Parlamento Europeo (ImagoEconomica)

Strasburgo, 16 aprile 2019 - Greta Thunberg, la battagliera adolescente che lotta per la tutela dell'ambiente, è stata accolta con un lungo applauso al suo ingresso nell'emiciclo di Strasburgo. La giovane attivista svedese ha seguito i lavori dell'aula seduta nella tribuna dei visitatori, e non era previsto un suo intervento formale in seno al Parlamento Europeo, ma il suo pensiero raccolto dai  media e prontamente rilanciato ha fatto ugualmente il giro del mondo, e nel primo pomeriggio la portabandiera delle giovani generazioni impegnate nella battaglia ecosostenibile ha incontrato di persona gli eurodeputati della Commissione ambiente per un confronto cruciale sulle tematiche ambientali

"Ho accettato di essere qui perchè ho avuto la grande opportunità di poter lanciare un messaggio e di parlare ai giovani che condividono le mie stesse preoccupazioni a proposito della crisi climatica", ha detto Greta Thunberg incontrando i rappresentanti della stampa. "Ai giovani europei che lottano per il futuro dico che devono continuare a farlo, perchè stanno facendo un grande lavoro. Penso che stiano scrivendo una pagina di storia contemporanea e devono essere molto orgogliosi per quello che stanno facendo", ha aggiunto.

Parole pesanti come macigni sono state indirizzate ai rappresentanti della classe politica: "Mi aspetto che i politici ora agiscano perchè non c'è molto tempo. Abbiamo ancora una finestra aperta nella quale possiamo agire, ma non lo sarà a lungo". Per questo Greta, influencer ante litteram, che non ha ancora raggiunto l'età anagrafica per potersi recare alle urne, invita i giovani maggiorenni ad andare a votare alle prossime Europee per farsi sentire: "Io non posso farlo, ha detto Greta, ma è importante che chi può sfrutti la possibilità di influenzare le decisioni".

"Ci dovete ascoltare, noi non possiamo votare, siete voi che dovete votare per noi, per i nostri figli e i nostri nipoti", ha detto la Thunberg durante l'audizione innanzi la Commissione Ambiente del Parlamento Europeo. "Svegliatevi e rendete le nostre richieste possibili", ha aggiunto la militante sedicenne, che si è commossa in un passaggio del suo discorso, "La nostra casa sta crollando e i nostri leader devono agire in modo coerente, perché adesso non lo stanno facendo e il tempo stringe. Bisogna pensare come se dovessimo costruire una cattedrale, vi prego di non fallire. Il mondo ha assistito con enorme dolore all'incendio di Notre Dame ma questa sarà ricostruita. Spero che le nostre fondamenta siano ancora più solide, ma temo che non lo siano".

Da mesi Greta sciopera regolarmente tutti i venerdì (Skolstrejg For Klimatet) per sensibilizzare l'opinione pubblica per via dei cambiamenti climatici in atto. A Strasburgo la pasionaria ecologista è stata invitata dal presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani. Durante la conferenza stampa Greta ha aggiunto: "Ci sono molte cose che si possono fare per il clima. Oltre a fare pressione ai livelli alti per influenzare altre persone si possono fare anche molte cose anche a livello individuale, per esempio cambiando le proprie abitudini".

"Il riscaldamento globale", è un emergenza che va affrontata oggi per Greta che si indigna per il fatto che si tengono "tre vertici di emergenza sulla Brexit e nessuno sul collasso climatico" che minaccia il pianeta. Nel suo discorso, la ragazza sottolinea che lei in quanto minorenne non può votare alle elezioni europee ma ricorda ai politici che "ora il nostro futuro è nelle vostre mani, mi va bene se rifiutate di ascoltarmi ma non potete ignorare la voce della Scienza" che chiede un intervento immediato per salvare il pianeta.

Dopo l'incontro, Tajani ha dichiarato: "Greta ha mobilitato milioni di persone per difendere l'ambiente. Le ho raccontato tutto quello che il Parlamento sta facendo contro l'inquinamento e le ho detto di non rinunciare mai ai valori in cui crede". "Mentre altre grandi potenze si defilano da questa battaglia cruciale, l'Unione Europea mantiene la barra dritta, con target ambientali, afferma Tajani, sempre più ambiziosi. Nessun altro nel mondo ha fatto così tanto per ridurre le emissioni, risparmiare energia e produrla da fonti rinnovabili. Tra il 1990 ed il 2016 siamo riusciti a ridurre le emissioni di gas serra del 23 %, un record a livello globale. Nelle scorse settimane abbiamo vietato, a partire dal 2021, l'utilizzo delle plastiche usa e getta non riciclabili, come piatti, posate, cannucce e bastoncini cotonati. Inoltre, abbiamo definito nuove misure per ridurre del 37,5% le emissioni delle automobili entro il 2030. Questa settimana approveremo nuovi target per la riduzione del 30% delle emissioni anche per i veicoli pesanti. Continuiamo inoltre a promuovere la realizzazione di infrastrutture di trasporto sostenibili, ad esempio l'alta velocità ferroviaria che permette di ridurre il traffico merci su gomma, negativo per l'ambiente".

Dopo la tappa al Parlamento Europeo, Greta Thunberg arriverà in Italia, dove venerdì prossimo, 19 aprile, parteciperà alla protesta in programma a Roma, in Piazza del Popolo. "Sono in treno diretta al Parlamento europeo, al Senato italiano, in Vaticano e al Parlamento di Londra, durante le vacanze di Pasqua - ha scritto su Facebook la giovane attivista svedese domenica scorsa - e venerdì parteciperò allo sciopero scolastico a Roma (so che è vacanza, ma visto che la crisi climatica non va in vacanza, non ci andiamo neanche noi)".