Tsunami di fango vicino ad Atene (Ansa)
Tsunami di fango vicino ad Atene (Ansa)

Atene, 16 novembre 2017  - Le piogge torrenziali degli ultimi giorni in Grecia hanno provocato un'ondata di fango ha colpito ieri tre località alla periferia di Atene, uccidendo almeno 15 persone. 

"È arrivato come uno tsunami", ha spiegato Evangelos Kolovetzos, un commerciante locale, il cui negozio è stato devastato. I soccorsi sono ancora all'opera e non è escluso che il bilancio possa aggravarsi nelle prossime ore. Dodici persone sono ricoverate in ospedale.

La burrasca si è abbattuta nella zona nella notte di martedì, scatenando un vero e proprio fiume di fango dai pendii vicini verso le località di Nea Peramos, Mandra e Megara, a circa 50 chilometri ad Ovest di Atene. L'onda di fango ha trascinato mezzi pesanti, auto e alberi sradicati. Le autorità locali hanno dichiarato lo stato d'emergenza. Circa 200 vigili del fuoco si sono messi al lavoro per i primi soccorsi.

image

Il vice sindaco di Néa Peramos, Stavros Fotiou: "Le nostre strade sono completamente distrutte, circa mille abitazioni sono state inondate, si tratta di un terzo della città". "Tutto è andato perduto, è un disastro biblico", riferisce il sindaco di Mandra, Ioanna Kriekouki. 

Una decina di passeggeri sono stati evacuati da un autobus travolto dal fango. Lo tsunami di fango non ha risparmiato neppure il cimitero di Mandra.  Molti quartieri sono rimasti senza corrente elettrica, mentre l'accesso ai soccorsi resta "molto difficile".