Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
3 giu 2022
3 giu 2022

Giubileo di Platino della regina: significato e numeri di Elisabetta II

La regina è la prima nella storia del Regno Unito a festeggiare i 70 anni di regno, la quarta nel mondo

3 giu 2022
Britain's Queen Elizabeth II reacts as she watches a special flypast from Buckingham Palace balcony following the Queen's Birthday Parade, the Trooping the Colour, as part of Queen Elizabeth II's platinum jubilee celebrations, in London on June 2, 2022. - Huge crowds converged on central London in bright sunshine on Thursday for the start of four days of public events to mark Queen Elizabeth II's historic Platinum Jubilee, in what could be the last major public event of her long reign. (Photo by Daniel LEAL / AFP)
La regina Elisabetta (Ansa)
Britain's Queen Elizabeth II reacts as she watches a special flypast from Buckingham Palace balcony following the Queen's Birthday Parade, the Trooping the Colour, as part of Queen Elizabeth II's platinum jubilee celebrations, in London on June 2, 2022. - Huge crowds converged on central London in bright sunshine on Thursday for the start of four days of public events to mark Queen Elizabeth II's historic Platinum Jubilee, in what could be the last major public event of her long reign. (Photo by Daniel LEAL / AFP)
La regina Elisabetta (Ansa)

Londra, 3 giugno 2022 - I festeggiamenti del Giubileo di Platino della regina Elisabetta II hanno avuto inizio ieri, 2 giugno, con la parata 'Trooping The Colour', e andranno avanti fino a domenica. Elisabetta, primogenita del re Giorgio VI, venne proclamata Regina il 6 febbraio 1952, ma fu incoronata ufficialmente solo il 2 giugno 1953: ecco perché il giorno esatto del 70esimo anniversario era a febbraio, ma in ricordo dell'incoronazione i festeggiamenti si tengono dal 2 giugno. Ma che cosa è veramente il Giubileo di Platino e perché è così importante?

Giubileo della regina in tv: il programma di oggi 4 giugno. Dove vedere il Platinum Party

Giubileo Regina: chi era l'uomo in uniforme con Elisabetta sul balcone

Uno dei regni più lunghi della storia

Il Giubileo di Platino segna il 70esimo anniversario del cosiddetto Accession Day, ovvero 'il giorno dell'adesione'. Nella storia del Regno Unito solo la regina Elisabetta II ha raggiunto questa pietra miliare; anche la regina Vittoria ha passato 'solo' 63 anni e 216 giorni sul trono. Nel mondo, Elisabetta è la terza sovrana (fra poco più di una settimana sarà la seconda) più longeva ed è l'unica che vive ancora. Al primo posto il Re Sole, Luigi XIV, con 72 anni e 110 giorni di regno, seguito (per ora) da Rama IX, re di Thailandia. Il regno straordinariamente lungo della regina si può descrivere solo con numeri altrettanto straordinari: Elisabetta ha dato incarico a 14 primi ministri, da Winston Churchill a Boris Johnson; ha incontrato 13 presidenti degli Stati Uniti, da Eisenhower a Biden (ad eccezione di Johnson), e ha ospitato 112 capi di Stato. La regina ha visitato più di 100 paesi, e sebbene non sia mai stata sulla Luna, l'Apollo 11 ci depositò un suo messaggio nel 1969.

Il 70esimo (e ultimo?) anniversario

Il 70esimo anniversario, però, è speciale anche per un altro motivo. Nonostante la regina abbia già battuto quasi tutti i record che si possano battere, una cosa è abbastanza probabile: che questo sarà l'ultimo giubileo che festeggia. Durante il suo regno ha accompagnato il Regno Unito (e il mondo) attraverso trasformazioni una volta impensabili, rappresentando sempre la continuità, la tradizione, la sicurezza e la garanzia in un universo in continuo cambiamento. Dopo la morte del Principe Filippo e le sempre più frequenti notizie di problemi di salute della regina stessa sorge naturalmente la domanda: cosa succederà alla monarchia - senza dubbi - più famosa e iconica senza la regina Elisabetta? Si scoprirà solo col tempo. Questo giubileo è un omaggio allo straordinario servizio della regina, al lavoro di un'intera vita, e forse è anche l'inizio di un addio. Oggi la sovrana non è riuscita a partecipare alla messa nel suo onore accusando 'un certo malessere', alimentando le voci su una 'transizione soft', in atto in realtà già da mesi: ultimamente è sempre stato il Principe Carlo a rappresentare la monarchia in tutte le più importanti cerimonie militari, religiose e istituzionali.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?