Scontri sugli Champs-Elysées (Lapresse)
Scontri sugli Champs-Elysées (Lapresse)

Parigi, 12 gennaio 2019 -  I 'gilet gialli' tornano in piazza oggi per l'atto nono di protesta contro il governo. Nel primo pomeriggio si sono registrati i primi scontri e lacrimogeni sugli Champs-Elysees. I manifestanti, diverse centinaia, hanno tentato come in passato di forzare le barriere in direzione della avenue Friedland, che parte dalla place de l'Etoile all'Arco di Trionfo. La polizia ha risposto con il lancio di lacrimogeni, utilizzati anche quando gli attivisti sono giunti a 'L'Etoile'. Secondo Le Parisienne ci sarebbero 24 feriti a Parigi, di cui due sono in gravi condizioni. Ma la situazione nella capitale è meno tesa delle precedenti manifestazioni, anche grazie a un servizio d'ordine tra i gilet gialli. A Parigi ci sono 8mila dei 84mila gilet jaunes scesi in piazza oggi in tutta la Francia. Tensioni maggiori invece a Bordeaux, dove ancora in serata c'è stata una vera e propria guerriglia con la polizia al termine del corteo di circa 5.000 persone. Occhi puntati anche su Bourges, nel centro del paese, dove 5.000 gilet gialli sfilano nel centro città, nonostante il divieto della prefettura. E' qui che gli attivisti hanno deciso di 'spostare' l'evento principale della protesta odierna. Il ministero dell'Interno teme che alla fine i manifestanti saranno di più, rispetto alla settimana scorsa, e più agguerriti. Sabato scorso sono scese in piazza 3.500 persone a Parigi, 5 mila a Bordeaux e 50 mila in tutta la Francia. 

Le forze dell'ordine francesi hanno fermato 244 manifestanti in tutta la Francia. Nella capitale 74 sono in custodia cautelare e 156 sono i fermati, lo comunica il ministero dell'Interno.

UN SERVIZIO D'ORDINE - Nella manifestazione di Parigi di oggi ha fatto la sua prima apparizione tra i gilet gialli un servizio d'ordine che ha concordato l'itinerario del corteo con la polizia e lo ha fatto rispettare evitando parte dei disordini dei giorni passati. I membri del servizio d'ordine avevano una fascia bianca al braccio.

BOURGES - La tensione è altissima a Bourges. Alle porte della città 5 persone sono state fermate in un'auto: nel cofano c'erano, diverse armi improprie e il conducente era ubriaco e sotto l'effetto di stupefacenti. In totale sono 18 i fermati, in una città dove la prefettura aveva comunque vietato, per prevenzione, qualsiasi manifestazione nel centro storico della città, autorizzandone una nella vicina piazza Se'raucourt. Musei, giardini, biblioteche e il Municipio sono stati chiusi, mentre i commercianti hanno deciso di rimanere aperti.

Milano, i 'ghisa' protestano insossando i Gilet gialli

MESSAGGIO A DI MAIO - Secondo Paul Marra, uno degli esponenti di spicco del movimento, la lettera di supporto del vicepremier italiano "sembra che sia più una manovra politica per sistemare qualche conto in sospeso tra governi" piuttosto che un'azione dettata "da un cuore 'Gilet giallo'". Onestamente, rileva il leader marsigliese del movimento, "non siamo in contatto con organizzazioni in Italia". Le dichiarazioni di sostegno dei 5 stelle, comunque, per Marra "sono positive ma in questa fase non abbiamo bisogno di alleanze o di sostegni. Non siamo ancora maturi".

Quanto al futuro, "I Gilet gialli ora devono strutturarsi - dice Marra - I francesi non chiedono più al movimento di scendere in piazza, di manifestare o di occupare le piazze ogni settimana. Il popolo chiede al movimento di strutturarsi".

image

MANIFESTAZIONI IN TUTTA FRANCIA - Ufficialmente le manifestazioni sono state annunciate in diverse città tra cui Bordeaux, Marsiglia, Tolosa, Lione, Strasburgo, Lille, Nantes e Rennes. A Parigi, il portavoce del movimento, Eric Drouet, ha convocato un raduno a metà pomeriggio nel piazzale de La Defense. Potrebbe però essere l'ennesima esca per i giornalisti e le forze dell'ordine, come avvenuto qualche settimana fa con l'evento a Versailles.

LE FORZE DI POLIZIA - Il governo, da parte sua, torna a schierare uomini e mezzi in numeri importanti per evitare il ripetersi delle violenze dello scorso weekend. Sono nuovamente posizionati 14 veicoli corazzati della gendarmeria e non meno di 80 mila poliziotti e gendarmi dispiegati su tutto il territorio nazionale. Edouard Philippe ha annunciato questa settimana un dispositivo paragonabile a quello dell'8 dicembre scorso. Ad aumentare i timori c'è anche la possibile partecipazione alle proteste dalla comunità rom in seguito all'arresto di Christophe Dettinger, l'ex pugile accusato di aver colpito i gendarmi sabato scorso.

AGGRESSIONI A GIORNALISTI - I giornalisti sono diventati un bersaglio delle frange più violente dei gilet gialli. Diversi inviati per raccontare le manifestazioni sono stati  bersaglio di attacchi. Una gruppo di giornalisti dell'emittente LCI è stata aggredita, la guardia che li proteggeva è stata picchiata. E' successo a Rouen, in Normandia. Un video diffuso dal quotidiano Paris Normandie mostra la guardia circondata e pestata da diverse persone, alcune delle quali indossavano un gilet giallo. 

A Parigi è toccato a un'altra una troupe della LCI, circondata da manifestanti, un giornalista è stato gettato a terra prima di essere protetto da altri manifestanti. Il portavoce del governo, Benjamin Griveaux, ha twittato: "Da settimane i giornalisti sono bersaglio di violenze da parte di manifestanti in Francia". A Tolone, due giornalisti video dell'agenzia Afp sono stati inseguiti e minacciati. A Marsiglia una decina di gilet gialli hanno impedito di lavorare a un giornalista della tv pubblica France 3 e a due fotografi locali. A Tolosa, secondo il giornalista Lionel Laparade de La Depeche du Midi, un gruppo ha aggredito una sua collega sola in automobile.

MORTE A BRUXELLES - Un manifestante dei 'gilet gialli' è stato investito e ucciso da un tir, in un incidente, sull'autostrada E25 nell'est del Belgio. Si tratta del primo decesso nel Paese da quanto sono cominciate le manifestazioni dei 'gilet gialli'.
L'incidente è avvenuto intorno alle 19 nella città di confine di Vise sulla E25 che collega Liegi in Belgio a Maastricht, in Olanda. L'uomo è stata investito perché l'autista del mezzo "non l'avrebbe visto", ha riportato il quotidiano regionale L'Avenir sul suo sito web. E' morto all'istante.  Il movimento dei 'gilet giall', nato in Francia il 17 novembre, è stato esportato molto rapidamente in Belgio, in particolare nella regione francofona della Vallonia.