Gigi Hadid (Ansa)
Gigi Hadid (Ansa)

New York, 14 gennaio 2020 - Gigi Hadid potrebbe far parte della giuria popolare al processo contro Harvey Weinstein, accusato di stupro e abusi sessuali. La modella, una delle più famose e pagate al mondo, è stata chiamata al tribunale di Manhattan insieme ad altre 120 persone come potenziale giurata. Alla domanda “conoscete qualcuno in quest'aula”?, Gigi è stata fra coloro che hanno alzato la mano. “Ho incontrato l'imputato” ha spiegato poi, restando impassibile, e ha anche ammesso di aver incontrato Salma Hayek, una delle attrici che ha accusato Weinstein. Inoltre è amica della modella Cara Delavigne, un'altra accusatrice del potente produttore di Hollywood. “Pensa di poter essere imparziale?”, le ha chiesto il giudice. “Sì, - ha risposto la Hadid senza esitazione - ritengo di essere in grado di mantenermi sui fatti a mente aperta”.

Alla fine della selezione, molti dei 120 convocati sono stati congedati perché hanno espresso opinioni preconcette sul caso. Hadid è rimasta fra i selezionati, e alla domanda finale del giudice: “Chi può e chi vuole prestare questo servizio?” ha alzato affermativamente la mano, e ha poi compilato il questionario richiesto dalla corte. All'uscita del tribunale, non ha voluto rilasciato dichiarazioni, dicendo che non le è permesso commentare il caso.

Gigi Hadid dovrebbe essere convocata nuovamente come potenziale giurata entro questa settimana. Dovrà superare l'esame incrociato della difesa e dell'accusa: secondo le regole le processo americano, entrambe le parti hanno diritto di veto su un giurato, se ritengono che questo non sia imparziale.