Gabinetto del clima alla cancelleria di Berlino (Ansa)
Gabinetto del clima alla cancelleria di Berlino (Ansa)

Berlino, 10 settembre 2019 - Tassa sulla Co2, biglietti aerei più cari e biglietti ferroviari meno costosi, promozione della mobilità elettrica, aumento dell'efficienza energetica dell'industria e produzione elettrica da rinnovabili al 65% entro il 2030. Il governo tedesco ha messo in cantiere un “piano clima” (che trovate QUI in tedesco) che prevede investimenti per 54 miliardi di euro entro il 2023, e 100 miliardi entro il 2030. Obiettivo è quello di garantire che il Paese riduca le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990 senza ridurre la crescita economica. Ecco una sintesi degli interventi previsti.

Tassa sulla Co2

A partire dal 2021, il governo federale introdurrà un sistema di tariffazione della CO2 per i settori dei trasporti e dell'edilizia. Le emissioni di CO2 derivanti dalla combustione di combustibili fossili - dal gas naturale al carbone - saranno registrate in un sistema nazionale di scambio di emissioni. Il prezzo della CO2 inizia nel 2021 con un prezzo fisso inizialmente piuttosto basso di dieci euro per tonnellata di CO2 e sale a 35 euro entro il 2025. A partire dal 2026 sarà fissata una quantità massima di emissioni. Tale soglia diminuirà di anno in anno. La vendita all'asta dei certificati inizierà nel 2026 e oscillerà tra un prezzo minimo di 35 euro a tonnellata fino a un prezzo massimo do 60 euro. Per effetto di questa tassazione nel 2021 la benzina e il diesel saranno 3 centesimi in più care, ed entro il 2026 costeranno da 9 a 15 centesimi in più. Le entrate derivanti dal prezzo del CO2 dovranno essere utilizzate per misure di protezione del clima o restituite ai cittadini a titolo di sgravio, riducendo i costi dell'elettricità, aumentando l'indennità per i pendolari. Ad esempio, l'imposta per promuovere le energie rinnovabili ai sensi della legge sulle fonti energetiche rinnovabili (EEG) deve essere ridotta di 0,25 centesimi per chilowattora nel 2021 e di 0,5 centesimi per chilowattora nel 2022. Anche la tariffa forfettaria per i pendolari deve essere aumentata di cinque centesimi per chilometro a partire dal 2021 e fino al 2026, a partire dal 21° chilometro. Di conseguenza, 35 centesimi per chilometro possono essere dedotti nella dichiarazione dei redditi invece degli attuali 30 centesimi.

Trasporti

I trasporti dovranno ridurre le proprie emissioni del 40-42% rispetto al 1990-98. Le misure già decise ridurre le emissioni di gas a effetto serra di 13 milioni di tonnellate rispetto al valore di riferimento di 150 milioni di tonnellate di CO2, lasciando un divario da coprire tra 52 e 55 milioni di tonnellate di CO2 al 2030. Entro il 2030 in Germania dovranno essere immatricolati da 7 a 10 milioni di veicoli elettrici . Al fine di coprire l'intera catena del valore dell'elettromobilità in Germania e in Europa, l'istituzione di fabbriche sostenibili di pile a batteria sarà un un fattore chiave per l'attuazione del piano d'azione. Il passaggio alle auto elettriche deve essere promosso con maggiore forza. Per questo motivo, il premio per l'acquisto di veicoli elettrici, ibridi e a idrogeno sarà esteso. Si prevede inoltre di ampliare l'infrastruttura delle stazioni di ricarica per la mobilità elettrica. Entro il 2030 dovranno essere disponibili complessivamente un milione di punti di ricarica pubblica. Finora ce ne sono solo circa 20.000. L'imposta sulle autovetture aziendali deve essere ridotta dallo 0,5% allo 0,25% per i veicoli puramente elettrici fino ad un prezzo di 40.000 euro. Inoltre, la tassa sugli autoveicoli nuovi deve essere maggiormente orientata alle emissioni di CO2 . I trasporti pubblici locali devono diventare più attraenti e, di conseguenza, i finanziamenti federali in questo settore saranno aumentati. Le piste ciclabili devono essere ampliate e il traffico ferroviario deve essere rafforzato. Il governo federale e la Deutsche Bahn investiranno 86 miliardi di euro entro il 2030 per per rinnovare la rete ferroviaria. Con l'opzione rafforzamento del trasporto combinato porteremo più merci su rotaia, sarà ammodernato e potenziato il trasporto sulle vie navigabili interne. La tassa sui biglietti aerei, attualmente pari a 7,40 euro per i voli nazionali, sarà aumentata a partire dal 2020, nella misura in cui, in cambio, l'IVA sui biglietti ferroviari a lunga percorrenza sarà ridotta dal 19% all'aliquota IVA ridotta del 7%. Questo renderà il viaggio in treno il dieci per cento più economico.

Settore edile

Il settore edile è responsabile del 14% delle emissioni totali di CO2 in Germania. Ciò corrisponde a circa 120 milioni di tonnellate all'anno per l'anno 2030 dovrebbero essere ridotte a circa 90 milioni di tonnellate di CO2/anno, ma l'obiettivo è scendere possibilmente a 72. Questo si otterrà attraverso un mix di consulenza per i cittadini e di incentivi fiscali. La misura centrale è l'introduzione di un incentivo fiscale per le misure di ristrutturazione di edifici efficienti sotto il profilo energetico. Ad esempio, coloro che sostituiscono le vecchie finestre con le moderne finestre ad isolamento termico possono ridurre del 20% dei costi, ripartiti su tre anni, la loro imposizione fiscale. Per aumentare il tasso di sostituzione degli impianti di riscaldamento a gasolio, è previsto un sussidio fino al 40% dei costi. L'installazione di nuovi impianti di riscaldamento a gasolio deve essere vietata a partire dal 2026.

Agricoltura

Nel 2030, il settore agricolo non deve emettere più di 58-61 milioni di tonnellate di CO2 all'anno.

Industria

L'industria deve ridurre le proprie emissioni di circa 49-51% rispetto al 1990 in modo da arrivare a a 140-143 milioni di tonnellate di CO2 nel 2030. Per arrivarci sarà avviato un piano nazionale di decarbonizzazione. Elemento chiave sarà l'aumento dell'efficienza energetica, unito ad una maggiore efficienza nell'uso delle risorse e a una progettazione ecocompatibile.

Energia

Nel settore della produzione dell'energia, le emissioni dovrebbero scendere a 175-183 milioni di tonnellate di CO2 entro il 2030. L'espansione delle energie rinnovabili sarà una delle misure centrali in questo contesto assieme alla riduzione della produzione di energia elettrica a carbone e l'aumento dell'efficienza energetica. Saranno sviluppati sistemi di stoccaggio e di cogenerazione. Il governo federale si è prefisso l'obiettivo di portare la percentuale di rinnovabili nel consumo di energia elettrica al 65% nel 2030. Il settore energetico otterrà così una riduzione complessiva di almeno 83 milioni di tonnellate di Co2. Tutte le entrate aggiuntive derivanti da questo programma saranno reinvestite quindi in misure di promozione della protezione del clima o per alleggerire l'onere a carico dei cittadini