L'articolo sul sito Kurier. "Madre e figlie sono morte volontariamente di fame?"
L'articolo sul sito Kurier. "Madre e figlie sono morte volontariamente di fame?"

Vienna, 23 maggio 2019 - Morte di fame nella loro casa. E trovate dopo più di un mese, forse due. Una tragedia agghiacciante quella che si è consumata a  Vienna, vittime una donna di 45 anni e le sue gemelle di 18. Una storia di disagio estremo, certificato dall'esito dell'autopsia sui tre cadaveri, trovati martedì scorso in un condominio di Floridsdorf, 21esimo distretto della capitale austriaca. "Sono morte di fame", recita come una sentenza il certificato del medico legale. 

L'esame autoptico ha stabilito innanzitutto che la morte risale tra fine marzo e inizio aprile. Non ci sono tracce di avvelenamento, precisano gli inquirenti che fin dai primi istanti avevano escluso la pista dell'omicidio. 

Le vittime appartengono a una famiglia di migranti, anche se non è stato reso noto da quale Paese provenissero. Secondo quanto riporta il quotidiano Kurier, erano conosciuti ai servizi sociali. Le gemelle - afferma una responsabile - erano "timide e tranquille" con "difficoltà di apprendimento", ma giudicate non bisognose di aiuto.

Dall'autunno 2016, con la fine dell'obbligo scolastico, non frequentavano più la scuola. I servizi sociali avrebbero offerto assistenza alla famiglia che non vi ha però mai fatto ricorso. La madre avrebbe manifestato preoccupazioni economiche ma non si sarebbe più rivolta ai servizi sociali.

LA MAPPA