2 dic 2021

"Gay benvenuti, ma qui niente baci". Il Qatar detta le regole dei mondiali

Il comitato organizzatore: non approviamo effusioni in pubblico. Il calciatore che fece coming out: avrei paura a giocare lì

paolo franci
Esteri
featured image
Nasser Al Khater, capo del comitato organizzatore

Integrazione. Fratellanza. Uguaglianza. E poi giù spot pieni di “Respect”, “No Racism” che abbattono barriere e pregiudizi. Quanto lo sport – e il calcio in particolare – sia motore e volano di consenso lo racconta la storia dell’uomo anche nelle sue pagine più oscure. Se così non fosse, non avremmo vissuto buie dittature che hanno fatto dello sport strumenti di propaganda. Per fortuna, il gesto atletico sa essere anche limpido fascio di luce per straordinari messaggi positivi. Ma a volte il mondo ideale senza barriere e pregiudizi deve fare i conti con le regole dell’uomo e delle religioni. L’ultimo caso è una bomba che scoppia a meno di un anno dal Mondiale del Qatar, il primo che si giocherà in inverno per evidenti motivi climatici. A togliere la spoletta è stato il direttore esecutivo del comitato organizzatore dei Mondiali 2022 Nasser Al Khater, che sulla presenza di gay in Qatar ha dichiarato che sì, sono i benvenuti, a patto però che evitino "pubbliche manifestazioni d’affetto, che sono disapprovate perché questo è un paese conservatore". In realtà la riflessione di Al Khater è assai più articolata e certamente più dolorosa non solo per il mondo gay, ma per tutti coloro che impugnano la bandiera dell’uguaglianza contro ogni tipo di discriminazione. E arrivano in risposta a Joshua Cavallo, giocatore australiano dell’Adelaide United e dichiaratamente omosossuale, che al Guardian ha detto: "Avrei paura di giocare in Qatar, dove c’è la pena di morte". "Josh Cavallo sarebbe il benvenuto qui da noi – la risposta di Al Khater – ma vanno evitate pubbliche manifestazioni d’affetto, che sono disapprovate. È l’unica indicazione da rispettare, per il resto tutti possono vivere la propria vita". E ancora: "Gli omosessuali possono venire in Qatar come qualsiasi altro tifoso e possono comportarsi come qualsiasi altra persona. Quel che dico, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?