Washington, 12 ottobre 2021 - Gabby Petito è stata strangolata. Secondo il medico legale, il dottor Brent Blue, la 22enne influencer è morta probabilmente 3-4 settimane prima che il suo corpo fosse ritrovato. Intanto non si ferma la caccia dell'Fbi al suo fidanzato, il 23enne Brian Laundrie, tornato a casa senza di lei dopo una lunga vacanza in camper nei parchi americani, e da allora il principale sospettato 

Gabby Petito è stata uccisa: i risultati dell'autopsia

La scomparsa

Era fine agosto quando scoppiò il caso di Gabby, scopmarcsa nel nulla mentre era in vacanza con il fidanzato. Il suo ultimo post sul suo profilo riporta la data del 26, nessun luogo e la didascalia 'Buon Halloween'. Intanto Brian era ricomparso da solo a North Port, in Florida, il 1 settembre. Il ragazzo aveva parcheggiato fuori casa, dove viveva con Gabby, il van con erano partiti. Poi l'11 settembre i genitori della ragazza decidono di denunciarne la scomparsa, e subito le forze dell'ordine si rivolgono a Brian per sapere cosa sia successo ma lui invoca il quinto emendamento: il diritto a non rispondere alle domande della polizia. Poi una piccola svolta: un video reso pubblico dalla polizia di Moab, Utah, in cui si percepisce tensione tra Gabby e Brian. Il filmato risale a luglio: si vede Gabby visibilmente scossa, dentro una macchina: degli agenti sono intervenuti dopo aver ricevuto la segnalazione di una violenta lite tra lei e il ragazzo fuori da un negozio. I due rassicurano, sono "innamorati e fidanzati", però quella notte la polizia decide sia meglio separarli: Brian si sistema in un hotel, Gabby rimane sul camper. Un mese dopo, Gabby scompare. Il 19 settembre nei pressi del Grand Teton National Park in Wyoming viene ritrovato il suo corpo.

Il sospetto in fuga

Ma Brian Laundrie è già sparito da qualche giorno ed è uno degli uomini più ricercati negli Stati Uniti. E Brian non è morto, è in fuga e all'interno della riserva naturale di Carlton (Florida), una vasta area incontaminata vicino alla casa della famiglia di Laundrie, sono stati rinvenuti i resti di un piccolo accampamento, usato probabilmente dal ragazzo. Lo scorso 14 settembre, il dipartimento di North Pole aveva lasciato un avviso su un veicolo di proprietà della famiglia Laundrie, trovato vicino all'ingresso dell'area protetta: presumibilmente, era stato abbandonato in quel punto proprio da Brian. I suoi genitori continuano a sostenere di non vedere il figlio da giorni, e che li aveva salutati dicendo che era diretto proprio nella riserva Carlton. 

Leggi anche:

Chi è Gabby Petito: il giallo che ha sconvolto gli Usa