Parigi, 16 giugno 2021 - La Francia domani toglie l'obbligo della mascherina all'aperto, ma resta punto fermo indossarla al chiuso, e in circostanze di assembramento come file, concerti e stadi. E' stato il premier Jean Castex ad annunciarlo, insieme alla revoca del coprifuoco notturno dal 20 giugno. 

La Francia così anticipa i tempi di 10 giorni, sul coprifuoco: Castex ha parlato di un forte calo dell'epidemia nel Paese, con la circolazione del virus ai minimi "dallo scorso agosto".  

Prima dei transalpini già i tedeschi avevano fatto cadere ieri l'obbligo di indossare le mascherine nelle scuole di numerosi Laender, e all'aperto, con una gradita ripresa di vendita di alcolici di notte a Berlino, riaprertura di fiere e feste popolari. Il sindaco di Berlino, Michael Mueller, ha confermato: "All'aperto oramai ci sono molti meno rischi".

Covid, in Gran Bretanga 9mila nuovi casi: il picco più alto da febbraio

Negli Stati Uniti cala l'emergenza Covid, e la California, il primo stato a chiudere a causa della pandemia, riapre: revocate gran parte delle restrizioni, dal distanziamento all'uso della mascherina per i vaccinati. Le mascherine, a aprte all'aperto, rimangono comunque richieste nei mezzi di trasporto pubblico, negli ospedali e nelle carceri, come a scuola e negli asili. 

Sulla costa orientale è lo stato di New York, tra i più colpiti dalle prime due ondate, ha raggiunto l'immunità di gregge con il 70% della popolazione adulta che ha ricevuto almeno una dose di vaccino, cosa che consente di eliminare o rendere facoltative la maggior parte delle restrizioni: saranno negozi, ristoranti, palestre a scegliere se far indossare o meno la mascherina. Ma rimarranno alcune restrizioni nelle scuole, sui trasporti pubblici, nei rifugi per senzatetto, nelle carceri, in ospedali.